> Cerca in ReteMalattieRare.it
Notizie dal WEB selezionate dallo Staff di RMR su Medicina, Salute, Genetica, Chirurgia, Malattie Rare, Farmaci, Bioetica e Nuove Tecnologie. 

Appello per il prolungamento della moratoria sui divieti alla sperimentazione animale.

RMR ha dato dal 2015 il proprio patrocinio a Research4life ed oggi invita a sottoscrivere questo importante appello che è già stato sottoscritto da più di 200 top scientists italiani.

Puoi aderire in qualità di Cittadino, Giornalista, Operatore sanitario, Paziente, Professore universitario, Ricercatore privato, Ricercatore pubblico, Studente o altro a questo indirizzo clicca >>> QUI
- - - - - - - - - - -
Ecco l'appelo ai parlamentari italiani da parte di Research4life:
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

Fonte corriere.it

dynamo

Una vacanza che cura l’anima. L’avventura di Dynamo Camp

di Claudio Arrigoni

 

 

PISTOIA – Quello che le parole nascondono. Cose tipo così: patologie oncoematologiche e neurologiche, diabete infantile, sindromi rare, patologie reumatologiche, malattie croniche dell’intestino, Sma 1 e 2. Tutto grave e cronico. Fermarsi lì non basta. Perché dietro ci sono le persone, le loro storie, i loro affetti. Allora cambia la visione. E arriva Dynamo Camp. Benedetto.

alleyoop.ilsole24ore.com

Quando la bufala online fa male alla salute

scritto da il 03 Gennaio 2017

bufala-onlineLa bufala online può servire a vendere di più, a fare più click, a spostare preferenze politiche, fino a far male alle persone: quando si promuovono notizie errate in ambito salute si gioca con la vulnerabilità di pazienti che non trovano risposte dalla medicina tradizionale e di familiari disposti a sperimentare qualsiasi cosa e a pagare cifre esorbitanti per alleviare il dolore dei propri cari.

Eppure oggi la comunicazione della salute è fatta principalmente online: secondo un’indagine Medipragma l’81% degli Italiani dichiara di cercare in rete informazioni su sintomi, diagnosi, malattie e cure. Se però nel 58% dei casi le ricerche soddisfano le esigenze degli internauti, solo il 9% di chi si informa online si confronta poi con il proprio medico.