Notizie su Malattie Rare e Salute

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

aboutpharma.com

Ad tracking, un grande problema anche nei siti web sulla salute

Lo studio danese Cookiebot con il suo report "Ad tech surveillance on the public sector web 2019" analizza il fenomeno e sottolinea come l'89% dei siti web istituzionali in Europa sia monitorato da terze parti con finalità pubblicitarie. Per la sanità la quota delle landing page arriva al 52%. In Italia la media si attesta al 47%


Cure sanitarie

   Anche i siti web sulla salute non sono esenti dal fenomeno dell’ad tracking. In sostanza siti web istituzionali presentano strumenti web che raccolgono dati sul comportamento degli utenti a fini pubblicitari. Spesso a insaputa sia delle amministrazioni che degli utenti stessi. Il dato è piuttosto alto e coinvolge tutta l’Europa, compresa l’Italia. A dirlo è lo studio danese Cookiebot con il suo report “Ad tech surveillance on the public sector web 2019”. Il documento analizza il fenomeno e sottolinea come l’89% dei siti web istituzionali in Europa sia monitorato da terze parti con finalità pubblicitarie. Per la sanità la quota delle landing page arriva al 52%. In Italia la media si attesta al 47%.

Il problema della sanità

Ontologicamente quello della salute è il comparto più sensibile. I dati privati che circolano nei server delle varie aziende o istituti di ricerca sono tantissimi e riguardano tutti noi. Nonostante la riservatezza di queste informazioni siano tutelate dall’articolo 9 del Gdpr, sono fin troppi i siti che si occupano di salute (soprattutto di istituzioni pubbliche), che presentano meccanismi di ad tracking. Non serve avere pubblicità sulla landing page, anzi. Come spiegano Riccardo Berti, avvocato del Centro studi Processo telematico e Franco Zumerle, coordinatore della Commissione informatica ordine avvocati Verona in un articolo pubblicato su Agenda digitale, queste pagine online non contengono pubblicità e non offrono prodotti in vendita. Non è infatti interesse dei gestori ottenere un profilo di comportamento dell’utente il quale, tra l’altro, ignora di essere monitorato per fini commerciali da terze parti.

Aifa, Regione Lombardia e ministerodi

Dagli allegati resi disponibili dal report risultano essere stati presi di mira anche Aifa, Regione Lombardia, Istat e ministero della salute. Per quanto riguarda la Regione si fa riferimento a un dominio relativo a parrucche per pazienti oncologici, mentre per il ministero si parla di una pagina sui disturbi psichiatrici. Per l’Istat invece la voce che riporta all’Url analizzato da Cookiebot è “aborto”, per Aifa “news dal mondo”, mentre per il sito web dell’Ausl di Reggio Emilia ci si riferisce a problemi legati all’alcolismo e alla gravidanza. Altri siti citati negli allegati sono Helpaids, Cliclavoroveneto, telefonospeciale.it.


Fonte: aboutpharma.com
URL: https://www.aboutpharma.com/blog/2019/04/05/ad-tracking-un-grande-problema-anche-nei-siti-web-sulla-salute/

 https://www.cookiebot.com/en/hidden-tracking-of-citizens-on-eu-government-and-health-sector-websites/