Notizie su Malattie Rare e Salute

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

aboutpharma.com*

Sesto dito robotico: una protesi innovativa sperimentata all’Università di Siena

Dalla collaborazione tra i neuroscienziati e gli ingegneri dell’Università di Siena è nato un progetto per supportare i pazienti colpiti da ictus cerebrale o patologie croniche: una protesi estremamente versatile, al momento in fase di sperimentazione, che ha già presentato ottime potenzialità. *IN COLLABORAZIONE CON DOMEDICA

di Redazione Aboutpharma Online 11 aprile 2019
sesto dito robotico

La tecnologia è ormai un elemento imprescindibile della vita umana. Dalle semplici attività quotidiane fino al lavoro di ricerca medica e scientifica, ha cambiato radicalmente le abitudini della popolazione. Praticità, velocità e precisione sono solo alcune delle caratteristiche che hanno giustificato la crescita esponenziale di soluzioni high tech in tutti i campi. Oggi il rapporto tra uomo, medicina e tecnologia compie un ulteriore progresso. Un team dell’Università di Siena, grazie al lavoro congiunto di medici e ricercatori, è riuscito a sviluppare una protesi innovativa, il sesto dito robotico, in grado di restituire la capacità di presa ai pazienti con un arto privo di mobilità e/o forza.

Un’eccellenza italiana riconosciuta nel mondo

La nuova protesi è stata studiata per adattarsi a qualsiasi forma e spessore e, una volta fissata all’arto con mobilità limitata, permette di afferrare gli oggetti controllandone il funzionamento da remoto. Il progetto è frutto della collaborazione tra il SibinLab, diretto da Simone Rossi del Dipartimento di Scienze neurologiche e neurosensoriali dell’Azienda ospedaliero-universitaria di Siena, e gli esperti del SirsLab, guidato da Domenico Prattichizzo del Dipartimento di Ingegneria dell’Università senese. L’innovazione del sesto dito robotico è stata riconosciuta e premiata anche alla conferenza internazionale “Ieee Haptics Symposium 2016” di Philadelphia, che ha visto riuniti i maggiori esperti mondiali di tecnologie per l’interazione uomo-computer.

Recuperare la capacità di presa grazie al sesto dito robotico

Il sesto dito robotico è uno strumento particolarmente utile pazienti colpiti da ictus cerebrale o affetti da patologie croniche invalidanti. In accordo con il paradigma della Soft Robotics, possiede una struttura flessibile e questo gli permette di adattarsi alla forma di qualsiasi oggetto durante la presa. Al momento dell’utilizzo, lavora insieme alla mano colpita da paresi per afferrare l’oggetto, come se la protesi e la mano fossero le due componenti di una pinza. Il dispositivo è inoltre munito di un meccanismo che permette all’utilizzatore di ruotarlo e riporlo come un bracciale attorno al polso, per poi poterlo facilmente riutilizzare all’occorrenza. Il progetto è tuttora in fase di sperimentazione, ma i primi test hanno evidenziato come, indossandolo, i pazienti riescano a portare a termine semplici task, come aprire una bottiglia o versare dell’acqua, senza aver bisogno di supporto.

Dai ricercatori nuovi progetti per il futuro

Gli specialisti dell’Università di Siena si dedicano a numerosi altri progetti volti a migliorare la vita dei pazienti con disabilità croniche. Oltre al sesto dito robotico, hanno sviluppato una speciale cavigliera in grado di aiutare il movimento delle persone affette dal morbo di Parkinson, dando loro il giusto ritmo durante l’andatura. Un progetto altrettanto innovativo prende il nome di “Tactic Angel”: si tratta di un dispositivo che aiuta le persone ipovedenti ad orientarsi, fornendo a distanza le indicazioni necessarie sui percorsi da compiere. Ma forse l’idea più ambiziosa è quella di sviluppare una sorta di “Instagram del tatto”, una piattaforma che permetterebbe alle persone ipovedenti di trasmettere le loro emozioni e di migliorare la loro sfera sociale. Progetti che oggi appaiono futuristici, ma che grazie all’impegno di medici e ricercatori forse un giorno entreranno a far parte del quotidiano, migliorando la vita di migliaia di pazienti.

*A cura di Domedica


Fonte: aboutpharma.com
URL: https://www.aboutpharma.com/blog/2019/04/11/sesto-dito-robotico-una-protesi-innovativa-sperimentata-alluniversita-di-siena/