Notizie su Malattie Rare e Salute

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

quotidianosanita.it

“Prezzi dei farmaci troppo alti stanno limitando accesso alle cure e non solo nei Paesi poveri”. E l’Oms suggerisce acquisti “multistato” per contrattare prezzi più bassi con le aziende 

Forum straordinario dell'Oms a Johannesburg sull'emergenza crescente per l'accesso ai farmaci che si sta manifestando in tutto il Mondo. Paesi ricchi compresi. Ogni anno 100 milioni di persone si impoveriscono per acquistare i farmaci necessari alle loro terapie. Ma una ricetta c'è: quella di iniziare a fare acquisti centralizzati tra paesi diversi per contrattare un prezzo migliore grazie all'ampliamento dei volumi acquistati. 

15 APR - Maggiore trasparenza sui costi della ricerca e dello sviluppo e sulla produzione di farmaci, per consentire a chi ne ha bisogno di negoziare prezzi più accessibili.

Lo hanno chiesto a Johannesburg, in Sud Africa, i delegati dei governi e delle organizzazioni della società civile in un forum globale dell’Oms su prezzi equi e accesso ai medicinali

Il forum, co-ospitato dall'Oms e dal Governo del Sud Africa, ha avuto come obiettivo quello di fornire una piattaforma globale per una discussione tra tutte le parti interessate - compresi i governi, le organizzazioni della società civile e l'industria farmaceutica - per identificare strategie che potessero ridurre i prezzi delle medicine e ampliare l'accesso per tutti


L'accessibilità economica dei medicinali è stata a lungo una preoccupazione per i paesi in via di sviluppo, ma oggi è anche globale. Ogni anno, 100 milioni di persone cadono in povertà perché devono pagare le medicine di tasca propria. Le autorità sanitarie dei paesi ad alto reddito si trovano sempre più a dover razionare farmaci per il cancro, l'epatite C e le malattie rare. Il problema si estende ai farmaci più vecchi i cui brevetti sono scaduti, come l'insulina per il diabete.

 

"L'innovazione medica ha scarso valore sociale se la maggior parte delle persone non può accedere ai suoi benefici", ha detto Mariângela Simão, direttore generale dell'Oms per i medicinali e i prodotti sanitari. "Si tratta di una questione globale sui diritti umani: tutti hanno il diritto di accedere all'assistenza sanitaria di qualità".

Un rapporto commissionato dall'Oms nel 2017 ha mostrato che il costo di produzione della maggior parte dei medicinali nell'elenco dei farmaci essenziali dell'Oms corrisponde a una piccola frazione del prezzo finale pagato da governi, pazienti o sistemi assicurativi. Alcuni delegati del forum hanno notato che la mancanza di trasparenza riguardo ai prezzi pagati dai governi significa che molti paesi a basso e medio reddito pagano prezzi più elevati per determinati medicinali rispetto ai paesi più ricchi.

Il rapporto ha calcolato i costi di produzione e i prezzi generici stimati per 148 farmaci presenti sull'EML (la lista dei farmaci essenziali) dell'Oms, dimostrando che la maggior parte dei farmaci essenziali può essere prodotta a basso costo. 

Il calcolo è stato possibile per 148 su 197 (75%) dei medicinali che soddisfano i criteri di inclusione. Nonostante la maggior parte dei medicinali presenti sull'EML non siano coperti da brevetto, 214 su 277 prezzi comparabili nel Regno Unito, 142 su 212 prezzi comparabili in Sudafrica e 118 su 298 prezzi comparabili in India hanno superato il prezzo previsto in base ai costi di produzione e Margine di profitto del 10 per cento.

Nel Regno Unito, i prezzi sono stati stimati al di sopra del prezzo generico calcolato in 217 casi su 277 (77%), e oltre il triplo rispetto al prezzo stimato nel 47% dei casi. LCP (il local currency pricing) era 0,2-387 volte il prezzo stimato in cui esistevano più fornitori e 3,5-8803 in cui era disponibile un solo fornitore. I principi attivi con il più alto rapporto tra LCP e prezzo stimato nel Regno Unito erano daclatasvir 30 mg (8803x), daclatasvir 60 mg (5063x), sofosbuvir 400 mg (958x), ledipasvir / sofosbuvir 90/400 mg FDC (593x) e desametasone 1.5 mg ( 387x). 

I prezzi erano disponibili solo nel BNF (norme di buona fabbricazione) in 109 casi, solo in eMIT (il mercato elettronico dei farmaci) in 5 casi. Il prezzo eMIT era inferiore al prezzo BNF in 185 casi su 209 in cui era disponibile un prezzo da entrambe le fonti.

In Sudafrica, 142 di 212 (67%) prezzi comparabili erano superiori al prezzo generico stimato. LCP era 0,2-139 volte il prezzo stimato. 

Gli articoli con i più alti indici di prezzo erano ondansetron 24 mg (139x), mercaptopurina 50 mg (106x), ondansetron 8 mg (90x), omeprazolo 40 mg (32.8x) e aloperidolo 2 mg (25x).

In India, 118 di 298 (40%) prezzi comparabili erano superiori al prezzo generico stimato. 

Gli articoli con il più alto prezzo indiano per i rapporti di prezzo stimati erano zidovudina 250 mg (45x), praziquantel 150 mg (15,5x), capecitabina 150 mg (13,8x), efavirenz / emtricitabina / tenofovir 600/200 / 300 mg FDC (10,7x ) e efavirenz 200 mg (10.5x). 

Tra i prezzi raccolti dal database delle offerte, LCP a indici di prezzo stimati variava da 0,04 a 4,3. Tra i prezzi di mercato privati, il prezzo indiano più basso ai rapporti di prezzo stimati variava da 0,03 a 45,1.

Sono state osservate ampie variazioni di prezzo per molti farmaci che sono attualmente protetti da brevetto o che erano sotto protezione fino a poco tempo fa. In molti casi, i medicinali generici avevano prezzi relativamente costanti, mentre per alcuni si registravano notevoli variazioni nei prezzi. Il gruppo terapeutico con la maggior parte delle variazioni di prezzo era costituito da farmaci antiretrovirali.

C’è stato consenso sul fatto che i paesi possano compiere un primo passo verso la promozione di una maggiore trasparenza attraverso la condivisione delle informazioni sui prezzi. I paesi della cosiddetta rete Beneluxa Initiative on Pharmaceutical Policy (Belgio, Olanda, Lussemburgo e Austria) hanno già unito le forze per condividere tali informazioni e i risultati sono stati promettenti. I dati evidenziano discrepanze di prezzo per lo stesso farmaco tra i vari paesi, un fattore che può essere usato come un potente strumento per negoziare la riduzuone dei prezzi. Un altro strumento utile allo scopo, in questo caso per i vaccini, è poi il database dell'Oms sui mercati e le carenze di vaccini.

L'evento ha evidenziato altri esempi di successo della collaborazione dei paesi intorno al raggiungimento di prezzi dei medicinali più accessibili; questi includono gli appalti raggruppati e la condivisione volontaria delle politiche. Se diversi paesi nella stessa regione si uniscono per acquistare i medicinali, possono negoziare prezzi ridotti grazie al maggior volume di medicinali acquistati. E i paesi europei guidati dall'Austria hanno condiviso politiche diverse per ampliare l'accesso ai farmaci attraverso il PPRI sostenuto dall'Oms (politiche di prezzi e rimborsi farmaceutiche).

Gli organismi industriali del forum hanno espresso sostegno per l'obiettivo dell'accesso ai farmaci per tutti e hanno espresso il loro impegno per l'Agenda per lo sviluppo sostenibile, che richiede una partnership con il settore privato per affrontare sfide globali come l'accesso ai medicinali.
L'Oms lancerà una consultazione pubblica online nelle prossime settimane per raccogliere opinioni e suggerimenti per una definizione di ciò che costituisce effettivamente un "prezzo equo" dalle parti interessate.

15 aprile 2019


Fonte: quotidianosanita.it
URL: http://www.quotidianosanita.it/scienza-e-farmaci/articolo.php?articolo_id=73091