Non è un altro anti PCSK9. E' un farmaco sperimentale che prende il nome di evinacumab che ha ridotto di quasi la metà il colesterolo LDL nell'ipercolesterolemia familiare omozigote (HoFH). Quest'ultima è una malattia rara e grave, causata da un difetto genetico - ereditato da entrambi i genitori - che altera la funzione del recettore responsabile della rimozione del ‘colesterolo cattivo’ (LDL-C o lipoproteine a bassa densità) dal sangue. E’ quanto emerge dai risultati principali di uno studio clinico annunciato dalla biotech americana Regeneron.
Evinacumab è un anticorpo monoclonale che si lega alla proteina  angiopoietin-like 3 (ANGPTL3). ANGPTL4 inibisce la lipoproteina lipasi (LPL), un enzima che aiuta ad abbassare i livelli di trigliceridi. Studi precedenti hanno dimostrato che l'attivazione di LPL portava alla riduzione dei trigliceridi circolanti.

Lo studio di fase III ELIPSE HoFH ha randomizzato i pazienti da 2:1 a evinacumab o placebo. Evinacumab è stato somministrato per via endovenosa ogni 4 settimane alla dose di 15 mg/kg.

Nello studio ELIPSE HoFH, l'anticorpo sperimentale somministrato “on top” ad altri farmaci che abbassano i lipidi - per lo più statine, inibitori della PCSK9 e/o ezetimibe - ha migliorato i profili lipidici per un periodo di trattamento di 6 mesi:
•    LDL in diminuzione del 47% rispetto al 2% di aumento con placebo (cambiamento assoluto -135 vs -3 mg/dL, P<0.0001);
•    LDL portato sotto i 100 mg/dL nel 47% vs 23% (P=0.0203);
•    maggiore riduzione dell'apolipoproteina B, del colesterolo non-HDL e del colesterolo totale rispetto al placebo.

La riduzione del colesterolo LDL nello studio è stata osservata già a partire dalla seconda settimana; sono state mantenute per tutto il periodo di trattamento.
Inoltre, anche il 35% dei pazienti considerati nulli/nulli - quelli che non hanno funzione su nessuno dei due geni dei recettori LDL, un gruppo che non risponde bene ad altre terapie - sono riusciti a ridurre la loro LDL con il nuovo farmaco.

Mentre la maggior parte del lavoro sugli inibitori della PCSK9 era stato sulla FH eterozigote, il gruppo evinacumab è stato testato in un diverso setting, l’HoFH, molto più raro e che conferisce un rischio sostanzialmente maggiore.

Lo studio ha avuto 65 pazienti con la malattia rara (l'azienda stima siano 1.300 casi di HoFH negli Stati Uniti). I partecipanti sono entrati nello studio a un'età media di 42 anni e con un LDL medio di 255 mg/dL nonostante il trattamento con altre terapie per l'abbassamento dei lipidi.

"Avere un nuovo farmaco che abbassa l'LDL oltre all'intero armamentario a nostra disposizione finora, compresi gli inibitori della PCSK9, è un risultato davvero impressionante", ha detto Kazi, aggiungendo che è "molto desideroso di vedere cosa significa questo per risultati a lungo termine".

È importante sottolineare che lo studio non è stato condotto per valutare i risultati cardiovascolari, ha notato il comunicato stampa di Regeneron. Ha promesso che un rapporto completo sarà presentato in un futuro incontro medico.

"Questo è un risultato molto promettente per una malattia rara estremamente difficile da trattare. Attendiamo con ansia la pubblicazione di questi risultati, in modo che la comunità medica possa comprendere appieno il valore e i limiti dello studio rivelato nel comunicato stampa", ha commentato Steven Nissen della Cleveland Clinic.
Gli eventi avversi sono stati meno con il farmaco sperimentale (66% vs 81% con placebo). Tuttavia, più nel gruppo evinacumab sperimentato malattie simil-influenzali e naso che cola.

Entrambi i bracci dello studio sono stati convertiti alla terapia con evinacumab ora che il periodo di randomizzazione in cieco di 24 settimane è terminato.
Il farmaco viene studiato anche in altri due studi di fase II: uno nella ipercolesterolemia refrattaria e l’altro in ipertrigliceridemia grave.
Nel 2017, questo farmaco sperimentale ha ottenuto la designazione Fda di Breakthrough Therapy. Regeneron ha detto che si aspetta di presentare i dati di evinacumab all’Fda nel 2020.

Lo scoglio da superare: il costo del farmaco
Gli scienziati di Regeneron hanno fatto un ottimo lavoro con questo programma, dall'identificazione precoce della proteina ANGPTL3, alla scoperta di un nuovo anticorpo per testare le loro ipotesi scientifiche, fino all'esecuzione di uno studio clinico fondamentale. Il loro lavoro cambierà la vita dei 1.300 pazienti che vivono negli Stati Uniti con l’HoFH e degli altri pazienti con questa malattia in tutto il mondo.

Ma, al giorno d'oggi, la prima domanda che ci si pone su un nuovo farmaco "miracoloso" è: "Quanto costerà? Regeneron non ha ancora rivelato nulla sul prezzo del farmaco. Ma questa è una malattia rara e il programma di evinacumab è iniziato 20 anni fa. Sicuramente, Regeneron si aspetta di ottenere un significativo ritorno economico su questo farmaco.

Regeneron come valuterà evinacumab? I pazienti HoFH costano al sistema sanitario americano almeno 8.000 dollari al mese per l'aferesi. Eliminando l'uso di questa procedura il sistema risparmia 96.000 dollari all'anno. Ezetimibe è ora generico e il suo costo annuale è minimo - a circa $100/anno. I farmaci che bloccano la sintesi epatica delle LDL-c, come lomitapide  (Juxtapid), hanno un prezzo di listino di circa $300.000/anno. 

Dato che evinacumab è superiore all'aferesi nel migliorare la qualità di vita di un paziente, si può facilmente giustificare un prezzo superiore a 100.000 dollari. Regeneron pensa a un prezzo tipo quello di Juxtapid? Oppure alla, luce della loro esperienza con Praluent, il prezzo sarà vicino ai 150.000 dollari? In quest'ultimo caso, se tutti i 1.300 pazienti statunitensi fosse consentito l'accesso a evinacumab, le entrate annuali sarebbero vicino ai 200 milioni di dollari.