I risultati di uno studio randomizzato controllato, pubblicato su Clinical Gastroenterology and Hepatology, evidenziano che dopo una risposta istologica iniziale alla terapia di induzione, l'esofagite eosinofila si ripresenta rapidamente nei pazienti che interrompono il trattamento, indipendentemente dal tipo di trattamento utilizzato.

Evan S. Dellon, direttore del Center for Esophageal Diseases and Swallowing presso la University of North Carolina School of Medicine, e colleghi hanno evidenziato che gli steroidi topici in genere mostrano benefici tra i pazienti con esofagite eosinofila (EoE) che non rispondono agli inibitori della pompa protonica, ma non si sa molto su cosa succede se questi farmaci non vengono proseguiti dopo l'induzione.
"Esistono pochi dati sulla durata della risposta, ma questi suggeriscono una riattivazione relativamente rapida dei sintomi e dell'attività istologica", hanno scritto nel lavoro.
"I medici necessitano di dati di alta qualità per informare accuratamente i pazienti in merito alla probabilità e alla tempistica dei sintomi ricorrenti e dell'eosinofilia esofagea dopo un ciclo di trattamento inizialmente riuscito.

Una migliore comprensione della durata della risposta potrebbe anche aiutare le decisioni su quali pazienti con EoE potrebbero aver bisogno di una terapia a lungo termine. "

Durante uno studio controllato randomizzato che ha confrontato budesonide viscosa orale con un inalatore di fluticasone come trattamento iniziale per l'EoE, i ricercatori hanno selezionato pazienti che hanno ottenuto una risposta istologica (<15 eosinofili/campo ad alta potenza; n=58) per partecipare a uno studio osservazionale.

I pazienti sono stati osservati dopo l'interruzione del trattamento e sono stati sottoposti a endoscopia e biopsia a 1 anno o quando i sintomi si sono ripresentati.

Gli autori dello studio hanno scoperto che il 57% dei pazienti ha manifestato recidiva dei sintomi prima di 1 anno con un tempo mediano complessivo alla recidiva di 244 giorni. Non c'è stata differenza nel tempo di recidiva tra i pazienti che hanno ricevuto un trattamento iniziale di budesonide o fluticasone.

Al momento della riattivazione dei sintomi, il 78% dei pazienti aveva una ricaduta istologica.
Dellon e colleghi hanno scritto che questo dimostrava uno scarso accordo tra sintomi e ricaduta istologica.

"I sintomi non sembrano essere un indicatore affidabile del controllo della malattia a lungo termine dopo la remissione iniziale nel contesto della sospensione del trattamento, e persino i pazienti che erano" asintomatici "avevano ancora punteggi misurabili dei sintomi utilizzando strumenti validati", hanno aggiunto gli autori.

In conclusione, i ricercatori hanno evidenziato che: "Data la rapidità della ricorrenza dei sintomi e l'attività istologica ed endoscopica associata, la terapia di mantenimento per l'EoE sembra essere ben giustificata”

Dellon ES., et al. Rapid Recurrence of Eosinophilic Esophagitis Activity After Successful Treatment in the Observation Phase of a Randomized, Double-blind, Double-dummy Trial. Clin Gastroenterol Hepatol. 2019 Sep 6. pii: S1542-3565(19)30972-3. doi: 10.1016/j.cgh.2019.08.050. 
leggi