Notizie su Malattie Rare e Salute

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

lescienze.it
04 febbraio 2019

Una tecnica per misurare i virus HIV nascosti

Una tecnica per misurare i virus HIV nascosti

   Un perfezionamento della tecnica genetica PCR ha permesso di misurare i livelli di virus HIV "dormienti" nelle cellule dei pazienti in terapia, e di scoprire che solo il 12 per cento circa delle sequenze genetiche virali presenti è in grado di funzionare e dare origine a nuovi virus(red)

  Una tecnica che consente di valutare con precisione l'entità del serbatoio di virus dell'HIV dormienti all'interno delle cellule di pazienti in terapia antivirale è stata messa a punto da un gruppo di ricercatori della Johns Hopkins University School of Medicine a Baltimora e dell'Howard Hughes Medical Institute, che la descrivono su "Nature".

   In questo modo è quindi possibile valutare se e come una certa terapia- un cocktail di farmaci o un farmaco sperimentale - sta influenzando un serbatoio virale e quanto è minacciata la vita del paziente.

 

Una tecnica per misurare i virus HIV nascosti
Cellula umana aggredita da virus HIV (in giallo). (Cortesia Seth Pincus, Elizabeth Fischer and Austin Athman, National Institute of Allergy and Infectious Diseases, National Institutes of Health)

L'attuale terapia anti AIDS prevede combinazioni di farmaci antiretrovirali, ognuno dei quali inibisce una fase specifica del ciclo di vita del virus.

Quando i farmaci che bloccano due o più stadi vengono somministrati contemporaneamente a un paziente, il virus non può replicarsi e la sua presenza nel sangue scende al di sotto dei limiti di rilevazione. Questo allevia i sintomi dei pazienti e ne preserva lo stato di salute anche per decenni.

Tuttavia il virus non è eradicato e rimane nell'organismo in una forma latente difficile da rilevare, ma potenzialmente in grado di riattivarsi, costringendo i pazienti a curarsi per tutta la vita.

Per valutare l'entità del serbatoio virale latente, oggi si usa una tecnica basata sulla cosiddetta reazione a catena della polimerasi (PCR ) che permette di misurare quanto DNA di origine virale è presente nelle cellule bersaglio dell'HIV, i linfociti CD4.

Tuttavia, la PCR standard non è in grado di distinguere tra le sequenze di DNA virale che sono state inserite nel genoma dell'ospite in modo corretto - e quindi in grado di riattivarsi, esprimere le istruzioni che conservano e dare origine a nuove particelle virali - e quelle che, danneggiate 

 

dalla terapia prima dall'integrazione nel genoma, non sono più in grado di funzionare correttamente.

Robert F. Siliciano e colleghi hanno perfezionato la PCR abbinando alle sonde genetiche che identificano le sequenze di DNA virale altre sonde che identificano le regioni genetiche soggette a mutazioni che possono impedire la corretta decifrazione delle informazioni virali.

I ricercatori sono così riusciti a stabilire che le stime precedenti sulle dimensioni del serbatoio virale latente nei pazienti in terapia erano sopravvalutate: in media soltanto il 12 per cento circa delle sequenze virali è risultata intatta e in grado di riattivare il ciclo vitale del virus.


Fonte: lescienze.it
URL: http://www.lescienze.it/news/2019/02/04/news/pcr_misura_virus_latenti_hiv-4279849/