Notizie su Malattie Rare e Salute

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

pharmastar.it/

Colite ulcerosa, farmaci efficaci e sorveglianza attiva riducono le colectomie

Giovedi 14 Febbraio 2019  Emilia Vaccaro
    Il trattamento delle malattie infiammatorie croniche intestinali ha fatto numerosi progressi che, da quanto emerge dall’ultimo Crohn & Colitis congress (7-9 febbraio 2019. Las Vegas), sembrano collegati a una riduzione delle colectomie per cancro del colon retto. 

  Sherman Picardo, dell'Università di Calgary in Alberta, che ha presentato lo studio al congresso ha evidenziato che grazie ai trattamenti sempre più efficaci e ai programmi di sorveglianza attivi i tassi di colectomia per cancro del colon-retto nella provincia canadese di Alberta sono diminuiti annualmente dell’8,6% dal 2003 al 2015. 


  Riferendosi alla sola colite ulcerosa (UC), si è passati da circa 2,8 casi per 1.000 pazienti a rischio nel 2003 a 0,5 per 1.000 nel 2015. 
L'analisi effettuata dall’Università di Calgary si basava sui dati del registro provinciale, che ha consentito ai ricercatori di identificare i pazienti con UC che avevano diagnosi e colectomie del cancro del colon-retto, nonché le loro storie di colonscopia. 

   Come è stato evidenziato durante la presentazione dello studio: “I pazienti affetti da UC presentano un rischio aumentato di cancro del colon-retto. La gravità dell'infiammazione intestinale istologica, il sesso, l'età, la durata e il grado di attività della malattia, la colangite sclerosante primitiva simultanea e una storia familiare di cancro colorettale sporadico sono fattori di rischio indipendenti di cancro del colon-retto”. 
Esistono numerose linee guida internazionali che danno specifiche sulla sorveglianza. Le linee guida dell'American Gastroenterological Association (AGA) del 2010 raccomandano una colonscopia di screening in tutti i pazienti con colite fino a 8 anni dopo la diagnosi. 

  Ai medici viene consigliato di sottoporre a biopsia ogni segmento per quantificare l'entità dell'attività della malattia microscopica. Si raccomanda una colonscopia di follow-up da 1 a 2 anni dopo la procedura iniziale e dopo due esami negativi. Secondo gli autori di questo studio, le colonscopie di follow-up possono essere distribuite ogni 1/3 anni, o più spesso a seconda dei fattori di rischio del paziente. 

  Le linee guida AGA suggeriscono anche la cromoendoscopia se l'operatore è stato addestrato nella tecnica. 

  La cromoendoscopia è una tecnica diagnostica che si basa sull’utilizzo di coloranti chimici non tossici durante l’esecuzione dell’endoscopia del tratto gastrointestinale. Tale tecnica viene impiegata per permettere una migliore diagnosi dei tumori in fase precoce o per evidenziare eventuali trasformazioni o la presenza di lesioni nel tessuto. 

  “Quando viene eseguita la cromoendoscopia, sono consigliate le biopsie target. Tuttavia, se viene eseguita l'endoscopia con luce bianca, ogni segmento deve essere sottoposto a biopsia e si devono prelevare almeno 33 biopsie” ha aggiunto Picardo. 

  Da quanto emerge dalle analisi effettuate in questo lavoro, il declino globale è probabilmente attribuibile allo sviluppo e all'utilizzo di programmi di sorveglianza e miglioramenti nelle opzioni di trattamento per i pazienti. 

  Non abbiamo dati italiani che possano mostrare un simile andamento ma secondo Alessandro Armuzzi, Segretario Generale IG-IBD, Fondazione Policlinico Gemelli IRCCS - Università Cattolica di Roma, raggiunto dai nostri microfoni: “Se nello studio dell’Università di Calgary è emersa questa netta diminuzione delle colectomie concordo con gli autori dello studio sull’influenza positiva dei farmaci sempre più efficaci e di programmi di sorveglianza che aiutano ad agire tempestivamente”. 

  Nel presente studio, 112 pazienti con colite ulcerosa sono stati sottoposti a colectomia per tumore del colon-retto tra il 2003 e il 2015, con un tasso di colectomia media annuale di 1,32 per 1000 pazienti UC a rischio. I tassi di colectomia media annuale erano più alti nei maschi e nei pazienti più anziani. Nel tempo si è registrata una significativa riduzione dei tassi di colectomia. (IRR=0,914, IC 95%: 0,868-0,961, p <0,001). 

  L’incidenza annuale di cancro del colon retto è stata calcolata dividendo il numero totale di colectomie per cancro per il numero di pazienti a rischio con UC. L'analisi dell'andamento temporale dei tassi di colectomia per il cancro è stata eseguita utilizzando un modello lineare generalizzato, assumendo una distribuzione di Poisson, utilizzando l'anno di ammissione come predittore primario, adattandosi per età e sesso. La regressione dei punti di unione è stata utilizzata per identificare i punti di flessione significativi negli andamenti temporali. 

  Anche se il declino complessivo non è stato del tutto lineare, ci sono stati picchi nel 2009 e nel 2013-2014, secondo gli autori questi non si sono qualificati come punti di flessione. 

  Ci sono sicuramente dei limiti in questo studio in quanto sono stati utilizzati dati contenuti in database senza possibilità di esaminare fattori di rischio quali l’estensione e la durata della malattia, obesità, fumo etc. 

Gli autori non hanno avuto accesso a informazioni su farmaci come la terapia biologica nelle donne, che influenzano i tassi di malattia oncologica e non hanno avuto modo di collegarsi al database sul cancro ma, come hanno precisato, intendono proseguire lo studio aggiungendo maggiori particolari. 

  In conclusione, da questo studio emerge che tra il 2003 e il 2015 nello stato di Alberta c'è stato un significativo declino nei tassi di colectomia per il tumore del colon-retto in pazienti con colite ulcerosa, con una riduzione annuale dell'8,6%. Questo è probabilmente attribuibile allo sviluppo e all'utilizzo di programmi di sorveglianza e miglioramenti nelle opzioni terapeutiche per pazienti con UC. 

  I ricercatori hanno anche sottolineato che: “Sono necessari studi prospettici futuri per valutare l'efficacia dei programmi di sorveglianza nel rilevamento della displasia e dei risultati di sopravvivenza". 

  Picardo S.  A significant decline in colectomy rates for colorectal cancer in patients with ulcerative colitis. Presentation n. 07 Crohn and Colitis Congress. Las Vegas 7-9 February 2019 

leggi


Fonte: pharmastar.it/
URL: https://www.pharmastar.it/news/gastro/colite-ulcerosa-farmaci-efficaci-e-sorveglianza-attiva-riducono-le-colectomie--28775