Medici

segnalato per i medici 

  • pharmastar.it

    Beta talassemia: studio clinico dimostra sicurezza ed efficacia di una terapia genica sviluppata in Italia

      La terapia genica, soprattutto se somministrata in giovane età, potrebbe costituire una strategia di cura efficace per la beta talassemia, una malattia genetica molto diffusa nell’area mediterranea e che conta oltre 7000 pazienti solo in Italia. 

      È questo il risultato del primo trial clinico di terapia genica per la beta talassemia realizzato sia in pazienti adulti che pediatrici, frutto di oltre dieci anni di lavoro del gruppo di ricerca di Giuliana Ferrari, docente dell’Università Vita-Salute San Raffaele, all’Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia Genica di Milano e possibile grazie all’alleanza strategica tra IRCCS Ospedale San RaffaeleFondazione Telethon e Orchard Therapeutics
  • 22° Convegno Patologia Immune e Malattie Orfane - Torino, 24-26 gennaio 2019

    Le malattie rare (autoimmuni, metaboliche, renali, oculari, polmonari, vascolari ed ematologiche) sono un gruppo eterogeneo di patologie che colpiscono spesso individui di giovane età provocando un peggioramento della qualità ed un accorciamento della vita. In Piemonte e Valle d’Aosta quasi 40.000 persone sono affette da una o più malattie rare. Vi si annoverano alcune artropatie infiammatorie, la sclerosi sistemica, il morbo di Behcet, le vasculiti, le amiloidosi, le retinopatie ereditarie, le malattie emorragiche congenite, la sindrome da anticorpi antifosfolipidi, le patologie lisosomiali, il linfedema primitivo, le patologie renali croniche. Tutte sono caratterizzate da un’elevata complessità diagnostica e di presa in carico e richiedono l’impiego di farmaci ad alto costo e l’applicazione di rigorose misure di appropriatezza. Da due anni sono attive a livello europeo reti di riferimento (cosiddette ERN, European Reference Network) dedicate allo sviluppo di linee guida condivise e la presa in carico dei pazienti più complessi.

  • pharmastar.it

    Osteite cronica non batterica e marker infiammazione: il punto in uno studio UK

       I marker di infiammazione sono elevati solo nel 39,6% dei pazienti con osteite cronica non batterica, con coinvolgimento vertebrale e mandibolare, necessitante di trattamento aggressivo.
    Questa la situazione fotografata in uno studio multicentrico, recentemente pubblicato sulla rivista Pediatric Rheumatology, che enfatizza il superiore ruolo diagnostico dell’imaging radiografico rispetto alla mera valutazione clinica di questi pazienti e suggerisce come una migliore consapevolezza di questa malattia tra i clinici potrebbe accelerarne la diagnosi e migliorare gli esiti di trattamento.

       Lo studio ha anche documentato la buona efficacia di pamidronato nel trattamento di questa coorte di pazienti.

    Che cosa è l’osteite cronica non batterica
       L’osteite cronica non batterica (CNO) o osteomielite multifocale ricorrente cronica (CRMO) è un raro disturbo di natura auto-infiammatoria che si caratterizza per la presenza di lesioni ossee sterili.
  • adnkronos.com

    Super intervento a Torino, bimba mangia per prima volta a 3 anni

     MEDICINA Pubblicato il: 08/01/2019 13:18
    Super intervento a Torino, bimba mangia per prima volta a 3 anni

       Un eccezionale e innovativo intervento ha permesso a una bimba di mangiare per la prima volta a 3 anni, grazie alla ricostruzione dell'esofago effettuata dagli esperti dell'ospedale infantile Regina Margherita della Città della Salute di Torino. La piccola A. era nata con una malformazione congenita, l’atresia esofagea di tipo I, cioè senza un tratto di esofago, situazione che le rendeva impossibile alimentarsi. A due mesi di vita è stata operata a Milano, ma purtroppo ha avuto una complicanza che ha determinato l’instaurarsi di una stenosi esofagea, ovvero un restringimento cicatriziale della zona, che non è stato possibile risolvere, nonostante numerose dilatazioni endoscopiche.

  • ansa.it

    L'intelligenza artificiale riconosce le malattie genetiche al primo sguardo

    In base alle caratteristiche del viso

    Redazione ANSA 07 gennaio 2019  17:48
    Esempio delle caratteristiche facciali legate a una malattie genetica, evidenziate nel viso di un bambino dal programma DeepGestalt (fonte: Y. Gurovich et al, Nature Medicine) © Ansa     L'intelligenza artificiale riconosce le malattie genetiche 'al primo sguardo', sulla base di alcune caratteristiche del viso. Dimostra di saperlo fare il sistema DeepGestalt, dopo tre anni di addestramento su 17.000 immagini di persone colpite da oltre 200 malattie genetiche. Descritto sulla rivista Nature Medicine, promette di diventare uno strumento prezioso per ottenere diagnosi precoci e mettere a punto terapie mirate.

  • quotidianosanita.it

    Farmaci: cambia tutto. Via alla revisione del prontuario, gare sovraregionali per l’equivalenza, dosi personalizzate, nuovo payback, criterio Prezzo/Volume, tetti di spesa regionali e revisione del sistema contrattazione. Arriva la nuova governance. Grillo: “Una bussola per riorganizzare sistema farmaceutico”

    Presentate oggi al Ministero le linee guida per riformare la governance del settore allo scopo di favorire l’accesso ai farmaci e contenere la spesa. Molte le novità, dalla dispensazione dei medicinali, fino alla previsione di nuovi criteri per i biosimilari, più appropriatezza, incentivi ad uso generici, linee d’indirizzo sui fondi speciali, alla riforma dei Registri Aifa, all’implementazione delle gare regionali in equivalenza e Patent-linkage. IL DOCUMENTO

    10 DIC - Dalla revisione del prontuario farmaceutico, alla verifica di dispensazioni di dosi personalizzate, passando per una revisione delle disposizioni sui biosimilari fino alla digitalizzazione dei Registri Aifa, le nuove misure sul payback e allo studio di tetti di spesa regionali. E ancora: novità in tema di farmacovigilanza, sulla diffusione nell’adozione del meccanismo prezzo-volume, aggiornamento dei criteri per i farmaci innovativi e per i fondi speciali, fino alla fondamentale revisione della Delibera Cipe del 2001 sui criteri per la contrattazione del prezzo dei farmaci.

  • ansa.it

    Censis, di fronte a Sanità pubblica gli italiani si sentono soli

    Rapporto, cresce la sensazione di disuguaglianza

    Redazione ANSA ROMA 07 dicembre 2018 10:52
    Un pronto soccorso © ANSA

      Nel rapporto tra italiani e Servizio sanitario pubblico sono tre le variabili che pesano: l'offerta del territorio di appartenenza, la condizione socio-economica e l'età delle persone. Ne parla il 52mo Rapporto del Censis sulla situazione sociale del Paese.
  • ansa.it

    Oms in campo su editing Dna, 'al via commissione esperti'

    Preparerà linee guida, "possibili conseguenze non volute"

    Redazione ANSA 04 dicembre 2018 11:48
    Oms in campo su editing Dna, 'al via commissione esperti' © ANSA

        Le tecniche di editing genetico come la Crispr, che ha permesso a un ricercatore cinese di creare due bambine geneticamente modificate, "possono avere conseguenze non volute", e "non dovrebbero essere utilizzate senza delle chiare linee guida". Lo ha affermato il direttore generale dell'Oms Tedros Adhanom Ghebreyesus in un briefing con i giornalisti, in cui ha annunciato che l'Organizzazione sta creando un panel di esperti per affrontare il tema.

  • ansa.it

    Batterio killer, lettere a 10mila pazienti per nuovi test

    Regione Veneto si tutela contro ditta produttrice

    Redazione ANSA PADOVA 29 novembre 2018 12:43
    Batterio killer, lettere a 10mila pazienti per nuovi test © ANSA

       Sono circa 10mila i pazienti operati nelle cardiochirurgie del Veneto "potenzialmente interessati" che verranno contattati per valutare eventuali approfondimenti clinici da quello che è stato definito il batterio killer presente in uno strumento per cardiochirurgia malfunzionante.

    Lo ha deciso oggi a Padova il gruppo tecnico della Regione Veneto "per la prevenzione e la gestione delle infezioni in soggetti sottoposti a intervento cardiochirurgico" in relazione alla vicenda del Mycobacterium chimaera, il "batterio killer" contenuto nei macchinari dell'azienda LivaNova che ha provocato 16 casi di infezione (di cui 14 in Veneto) con 6 decessi. I pazienti riceveranno una scheda informativa contenente le informazioni sui sintomi e l'indicazione dei numeri di telefono da contattare per qualsiasi evenienza e per gli eventuali approfondimenti clinici necessari.

  • ansa.it

    Dna modificato, il governo cinese ha bloccato i test

    Attività 'illegale e inaccettabile'

    Redazione ANSA 29 novembre 2018 15:03
    Dna modificato, il governo cinese ha bloccato i test © AP

        Il governo cinese ha disposto il blocco del lavoro del gruppo di ricerca  della Southern University of Science and Technology di Shenzhen diretto da Jiankui He. La decisione è arrivata a pochi giorni dall'annuncio, da parte di Jiankui He, della nascita dei primi esseri umani da embrioni nei quali il Dna era stato modificato con la tecnica della Crispr. La ricerca non era stata pubblicata su una rivista scientifica, ma annunciata alla stampa. 

    Il viceministro della Scienza e della Tecnologia Xu Nanping, parlando con la tv statale cinese Cctv, ha detto che il suo ministero "si è opposto con forza" agli sforzi che hanno portato di recente alla nascita di due bimbe con il Dna "corretto" e ha annunciato che c'è un'indagine in corso. L'esperimento di He, ha spiegato il vice ministro, "ha oltrepassato la linea della moralità e dell'etica a cui ha aderito la comunità accademica ed è scioccante e inaccettabile".

  • ansa.it

    Dna modificato, il ricercatore annuncia una seconda gravidanza in corso

    Ai primi stadi, ma l'esperimento è in pausa

    Redazione ANSA 28 novembre 2018  11:12
    Dna modificato, il ricercatore annuncia una seconda gravidanza in corso. Foto Mark Schiefelbein, The Associated Press © AP

        ROMA - Ci sarebbe una seconda gravidanza in corso "ai primissimi stadi" con embrioni con il Dna modificato. Lo ha affermato He Jiankui, il ricercatore cinese che pochi giorni fa ha annunciato di aver già fatto nascere due gemelle il cui genoma è stato modificato, durante l'International Summit on Human Genome Editing in corso a Hong Kong, aggiungendo però che ora l'esperimento è sospeso a causa delle polemiche sorte. He ha ammesso che erano otto le coppie coinvolte nell'esperimento e si è detto 'orogioso' dei risultati raggiunti. "I volontari - ha affermato lo scienziato - erano informati dei rischi di possibili modifiche non volute del Dna, ma hanno deciso lo stesso di farsi impiantare gli embrioni".
  • pharmastar.it

    Porpora di Henoch-Schonlein, rituximab efficace in casistica pediatrica

    Il trattamento con rituximab (RTX) potrebbe rappresentare un’opzione di trattamento efficace nella cura della porpora di Henoch-Schonlein cronicizzata steroido-dipendente.

    Lo suggeriscono i risultati di uno studio retrospettivo, basato su una casistica di pazienti in età pediatrica, recentemente pubblicato online sulla rivista Pediatric Rheumatology, che andrebbero confermati in studi prospettici di intervento, su campioni di pazienti di dimensioni adeguate.
  • Farmaci e cure, mezzo milione di italiani non può permettersele

     FARMACEUTICA Pubblicato il: 13/11/2018 13:59 
    Farmaci e cure, mezzo milione di italiani non può permettersele

        Oltre mezzo milione di connazionali (539 mila) nel 2018 non si è potuto permettere le cure mediche e i farmaci di cui avrebbe bisogno. Si tratta mediamente del 10,7% dei poveri assoluti italiani. La richiesta di medicinali (993.000 nel 2018) è aumentata del 22% nel quinquennio 2013-2018, soprattutto per il sistema nervoso (32%), l'apparato muscolo-scheletrico (16%), il tratto alimentare e metabolico (13,4%), l'apparato respiratorio (8,7%) e le patologie dermatologiche (6,3%). In generale, anche quest'anno più 13 milioni di persone hanno limitato le spese per visite e accertamenti. Lo rivela il 'Rapporto 2018 - Donare per curare: povertà sanitaria e donazione farmaci', promosso dalla Fondazione Banco Farmaceutico onlus e BfResearch e realizzato, con il contributo incondizionato di Ibsa, dall'Osservatorio donazione farmaci, presentato oggi nella sede dell'Agenzia italiana del farmaco (Aifa).

  • Fibrosi cistica neonatale, aerosol di soluzione salina ipertonica sicuro ed efficace

    Il trattamento di neonati affetti da fibrosi cistica con aerosol di soluzione salina ipertonica sembra essere un intervento sicuro ed efficace per migliorare la funzione respiratoria in questi piccoli pazienti, Lo studio, pubblicato su American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine, è di notevole rilevanza ai fini clinici per due motivi: è il primo trial clinico randomizzato controllato ad avere esaminato l'effetto di questo trattamento in neonati con malattia progressiva. In secondo luogo, il trial pubblicato è il primo a documentare la possibilità di utilizzare due misure di outome quantitativo - l'indice di clearance polmonare (LCI) e l'imaging a risonanza magnetica (MRI) del torace - in trial clinici condotti in pazienti molto piccoli con FC.

       Il trattamento di neonati affetti da fibrosi cistica (FC) con aerosol di soluzione salina ipertonica sembra essere un intervento sicuro ed efficace per migliorare la funzione respiratoria in questi piccoli pazienti, stando ai risultati promettenti di uno studio clinico tedesco di recente pubblicazione sulla rivista  American Journal of Respiratory and Critical Care Medicine. Lo studio appena pubblicato è di notevole rilevanza ai fini clinici per due motivi: è il primo trial clinico randomizzato  controllato ad avere esaminato l’effetto di un trattamento che si basa sulla somministrazione di una soluzione sterilizzata salina ipertonica nebulizzata (aerosol) in neonati con malattia progressiva (i benefici derivanti dall’impiego di soluzione salina ipertonica in bambini con FC molto piccoli o in età prescolare e scolare sono noti da tempo).
  • ansa.it

    Arriva mini cerotto hi-tech che rilascia i farmaci nell'occhio senza dolore

    Redazione ANSA 07 novembre 2018 12:28
    Gravi malattie degenerative della vista richiedono l'introduzione del farmaco direttamente nell'occhio © Ansa

       Sviluppato un mini-cerotto oculare hi-tech che rilascia farmaci direttamente nell'occhio. Testato con successo per ora su topolini in un lavoro pubblicato sulla rivista Nature Communications, il cerotto potrebbe rivoluzionare le cure di molte malattie della vista che oggi richiedono l'uso di iniezioni intraoculari, come la maculopatia.
       Il cerotto è stato sviluppato dal gruppo di Peng Chen della Nanyang Technological University di Singapore.

  • adnkronos.com

    Rivoluzione pronto soccorso, ecco i nuovi codici

     SANITÀ Pubblicato il: 03/11/2018 19:58
    Rivoluzione pronto soccorso, ecco i nuovi codici

        Codici di triage numerici, che articolano meglio quelli attualmente definiti con i colori e permettono di smistare in maniera più precisa i pazienti; tempi da rispettare meglio definiti e un 'pacchetto' di indicazioni dedicate alla gestione delle situazioni di sovraffollamento. Sono alcune delle novità operative in arrivo per i pronto soccorso italiani, contenute in un documento giunto al termine del suo percorso tecnico e pronto per essere inviato alle Regioni che dovranno mettere in pratica le nuove linee guida, facendole adottare nei propri sistemi sanitari.

  • pharmastar.it

    Sette italiani su 100 hanno reazioni avverse da farmaci. Mezzi di contrasto sotto indagine

    • Mercoledi 24 Ottobre 2018

    Allarme lanciato dagli allergologi italiani sulle reazioni avverse a farmaci che costituiscono un evento molto frequente e mostrano un trend in costante crescita, anche come conseguenza del sempre maggiore uso di farmaci nel mondo occidentale.

    Le reazioni avverse a farmaci costituiscono, al giorno d’oggi, un evento molto frequente e mostrano un trend in costante crescita, anche come conseguenza del sempre maggiore uso di farmaci nel mondo occidentale. 

    L’Organizzazione Mondiale della Sanità definisce una reazione avversa ad un farmaco come “ogni risposta indesiderata che fa seguito alla somministrazione di un farmaco per motivi profilattici, diagnostici, terapeutici o per indurre modificazioni di una funzione fisiologica.
  • ansa.it

    Medici senza frontiere chiede di tagliare i costi del nuovo farmaco anti tubercolosi

    "La casa farmaceutica Johnson and Johnson consenta di salvare più vite"

    Redazione ANSA ROMA 23 ottobre 2018 16:50
    Con le vecchie terapie, il tasso di guarigione è solo del 55% © Ansa

     Le persone affette da tubercolosi resistente ai farmaci non hanno accesso ai migliori trattamenti in parte a causa del prezzo troppo alto. E' la denuncia di Medici Senza Frontiere (Msf) nel nuovo rapporto "DR-TB Drugs Under the Microscope" pubblicato oggi in occasione della 49ma Conferenza mondiale sulla salute polmonare che si apre domani all'Aia. Msf si appella in particolare alla società farmaceutica Johnson and Johnson (J&J) affinché dimezzi il prezzo del nuovo farmaco anti tubercolosi, e consenta così che "più vite possano essere salvate".
  • ansa.it

    Ordini medici, omeopatia non ha basi scientifiche, è un placebo

    Nessuna patologia ottiene miglioramenti

    Redazione ANSA ROMA 07 maggio 2018 15:48
    omeopatia © Ansa

       L'omeopatia non ha alcuna base scientifica e gli effetti riportati da chi la usa sono con buona probabilità dovuti all'effetto placebo. Lo afferma una nuova scheda pubblicata dal sito 'dottoremaeveroche.it', l'iniziativa contro le bufale della Federazione degli Ordini dei Medici (Fnomceo). "Sebbene vi siano pubblicazioni di vari studi, allo stato attuale non ci sono prove scientifiche né plausibilità biologica che dimostrino la fondatezza delle teorie omeopatiche secondo i canoni classici della ricerca scientifica", si legge nella scheda preparata dal medico Salvo Di Grazia. "Infatti - prosegue - diversi studi condotti con una metodologia rigorosa hanno evidenziato che nessuna patologia ottiene miglioramenti o guarigioni grazie ai rimedi omeopatici. Nella migliore delle ipotesi gli effetti sono simili a quelli che si ottengono con un placebo (una sostanza inerte)".
  • ansa.it

    "Una bufala ci seppellirà", campagna shock dall'Ordine dei Medici

    Lapidi con epitaffi per far capire i pericoli per la salute

    Redazione ANSA ROMA 03 maggio 2018  19:44
    Una bufala ci seppellir: ecco i manifesti © ANSA

        "Non mi hanno vaccinato per paura dell'autismo", "Avevo acquistato sul web un farmaco miracoloso", "Ho curato il cancro con il bicarbonato di sodio". Sono alcuni degli epitaffi che, sovrastati da una croce, campeggiano su altrettante lapidi nella campagna shock 'Una bufala ci seppellirà?' lanciata dalla Fnomceo, la federazione nazionale che riunisce gli ordini dei medici, per combattere le bufale in tema di salute, soprattutto quelle che si diffondono tramite la rete.