Notizie su Malattie Rare e Salute

Notizie dal WEB selezionate dallo Staff di RMR su Medicina, Salute, Genetica, Chirurgia, Malattie Rare, Farmaci, Bioetica e Nuove Tecnologie.

RDD2020 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ansa.it

Molecole di Dna si assemblano in un computer vivente

Ricercatori all'opera per programmarlo

Redazione ANSA 31 marzo 2019 17:50
In alto il circuito fatto di Dna, in basso l'immagine ottenuta con il microscopio di un nastro di Fna auto-assemblato e sullo sfondo altre stringhe di codice fatte di Dna (fonte: Demin Liu and Damien Woods) © Ansa

Ottenute molecole di Dna capaci di auto-assemblarsi in un computer 'vivente': regolano la trasmissione dei segnali come fossero transistor e funzionano con un codice binario a sei cifre capace di elaborare algoritmi. Utili per mettere a punto complessi esperimenti di ingegneria molecolare, sono descritte sulla rivista Nature dai ricercatori dell'Universita' della California a Davis, del California Institute of Technology (Caltech) e della irlandese Maynooth University.

Leggi tutto: Molecole di Dna si assemblano in un computer vivente

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ansa.it

Staminali coltivate in provetta per riparare l'olfatto

Possono rigenerare i tessuti danneggiati del naso

Redazione ANSA 29 marzo 2019 17:23
Le staminali dell'olfatto si differenziano in neuroni e cellule di supporto (fonte: Jim Schwob/Tufts University in Stem Cell Reports) © Ansa

 Coltivate per la prima volta in provetta delle cellule staminali capaci di rigenerare l'epitelio olfattivo del naso: l'esperimento, condotto per ora con cellule di topo, è un'importante prova di principio che apre alla possibilità di sviluppare nuove terapie di medicina rigenerativa per ripristinare il senso dell'olfatto alterato - o perfino cancellato - da invecchiamento, fumo, lesioni ed effetti collaterali di farmaci. A indicarlo è lo studio pubblicato sulla rivista Stem Cell Reports dai ricercatori della Tufts University nel Massachusetts.
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

quotidianosanita.it

Malattie rare senza diagnosi. L’Iss avvia un network con 4 ospedali del centro sud

Il progetto che ha l’obiettivo di ampliare la casistica dei pazienti e poter fornire diagnosi a un numero crescente di persone è stato presentato oggi nel corso della Tavola rotonda “Ti chiamerò per nome” dove diversi esperti italiani attivi nell’ambito si confrontano sui progetti nazionali e internazionali in campo per affrontare una sfida che è probabilmente tra le più complesse ma anche tra le più feconde dal punto di vista scientifico.

29 MAR - Oltre ad essere rare o rarissime, alcune di esse sono anche prive di nome perché presentano quadri clinici talmente complessi e “rari” che nessun medico è in grado di riconoscerle: la creazione ed il consolidamento di reti nazionali e internazionali contribuisce certamente a costruirne l’identità.
È per questo che oggi, nel corso della Tavola rotonda “Ti chiamerò per nome” organizzata dall’Istituto Superiore di Sanità e interamente dedicata al tema, diversi esperti italiani attivi nell’ambito si confrontano sui progetti nazionali e internazionali in campo per affrontare una sfida che è probabilmente tra le più complesse ma anche tra le più feconde dal punto di vista scientifico.

Leggi tutto: Malattie rare senza diagnosi. L’Iss avvia un network con 4 ospedali del centro sud

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

agi.it/

Forse stavolta il Piano nazionale sulle malattie parte davvero

Due milioni le persone coinvolte per un'iniziativa che potrebbe cambiare radicalmente la loro vita

di ILARIA CIANCALEONI BARTOLI  29 marzo 2019,16:03
piano nazionale malattie rare

Stavolta ci sono tutte le premesse giuste per arrivare a dare concretezza al Piano Nazionale Malattie Rare. Si tratta di una occasione unica, importante da cogliere, per corrispondere alle attese delle persone che vivono con una malattia rara e che aspettano risposte almeno ad una parte dei loro bisogni.

Gli esperti ci sono, e sono pronti. A fine febbraio infatti, il Ministro della Salute, Giulia Grillo ha nominato un gruppo di esperti che dovrà lavorare alla stesura e alla elaborazione del nuovo Piano Nazionale Malattie Rare (PNMR).

Se si procede velocemente si può ragionevolmente pensare che di qui a qualche mese potremmo avere il nuovo piano.

Leggi tutto: Forse stavolta il Piano nazionale sulle malattie parte davvero

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

cordis.europa.eu

Un nuovo vaccino contro la malaria supera il test di sicurezza per l’uomo

Alcuni scienziati hanno fatto un altro passo in avanti per introdurre sul mercato un vaccino preventivo contro la malaria associata alla gravidanza (PAM, Pregnancy-Associated Malaria).

SALUTE  PROGRESSI SCIENTIFICI 
   La malaria in gravidanza comporta un grande rischio per la salute della madre e del suo feto e aumenta il rischio di aborto mortinatalità parto prematuro e basso peso alla nascita una delle principali cause di mortalità infantile. Si stima che la PAM produca ogni anno 20 000 morti tra le madri e 200 000 tra i lattanti. Le strategie per la sua prevenzione e gestione raccomandate dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) comprendono il trattamento preventivo intermittente e l’uso di zanzariere per il letto trattate con insetticida. Per completare questi metodi un team di ricercatori ha sviluppato un vaccino contro la malaria chiamato PAMVAC. Parzialmente sostenuto dal progetto PLACMALVAC finanziato dall’UE il gruppo ha pubblicato i risultati sulla rivista . 

Leggi tutto: Un nuovo vaccino contro la malaria supera il test di sicurezza per l’uomo