Notizie su Malattie Rare e Salute

Notizie dal WEB selezionate dallo Staff di RMR su Medicina, Salute, Genetica, Chirurgia, Malattie Rare, Farmaci, Bioetica e Nuove Tecnologie.

RDD2020 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

adnkronos.com

Nel muso del bulldog la chiave per una rara malattia

 MEDICINA Pubblicato il: 04/01/2019 10:50

Nel muso del bulldog la chiave per una rara malattia

   Con le loro piccole dimensioni, i musetti un po' tozzi e gli occhi grandi e tondi i bulldog, i bulldog francesi e i Boston terrier sono tra le razze di cani domestici più popolari. Ora i ricercatori dell'Università della California a Davis hanno scoperto la base genetica 'chiave' per l'aspetto di questi cani, ma soprattutto l'hanno collegata a una sindrome ereditaria rara che colpisce gli esseri umani, la sindrome di Robinow.

Leggi tutto: Nel muso del bulldog la chiave per una rara malattia

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

LeScienze.it

03 gennaio 2019

Scelte rapide per il destino delle staminali embrionali

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

LeScienze.it 
14 dicembre 2018

Una nuova connessione tra intestino e cervello

Una nuova connessione tra intestino e cervello

   L'eccesso di sale nella dieta può favorire l'insorgenza di ictus e di disturbi cognitivi attraverso un meccanismo che coinvolge il sistema immunitario ed è indipendente dall'aumento della pressione del sanguedi Jonathan D. Grinstein / Scientific American

   È ben noto che una dieta a elevato contenuto di sale porta a una pressione del sangue elevata, un fattore di rischio per una serie di problemi di salute, tra cui malattie cardiache e ictus. Ma nel corso dell’ultimo decennio, gli studi sulle popolazioni umane hanno indicato una connessione fra assunzione di sale e ictus indipendente dalla pressione alta e dal rischio di malattie cardiache, suggerendo l’esistenza di un anello mancante tra assunzione di sale e la salute cerebrale.

Leggi tutto: Una nuova connessione tra intestino e cervello

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

askanews.it - Martedì 18 dicembre 2018 - 12:09

Fibrosi cistica: malattia modifica microbiota intestinale bambini

Studio ricercatori Bambino Gesù, CNR, La Sapienza e Federico II

Fibrosi cistica: malattia  modifica microbiota intestinale bambini

   Roma, 18 dic. (askanews) – Esiste un rapporto diretto tra fibrosi cistica e alterazione del microbiota intestinale: è la proteina “difettosa” della malattia, infatti, a guidare la composizione e il funzionamento delle comunità batteriche dell’intestino dei bambini che ne sono affetti. La scoperta è stata fatta dai ricercatori dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, del Consiglio Nazionale delle Ricerche e delle Università Sapienza e Federico II che, per la prima volta, hanno disegnato la mappa funzionale del microbiota di pazienti da 1 a 6 anni con fibrosi cistica, facendo luce sui meccanismi che lo regolano. Lo studio, appena pubblicato sulla rivista scientifica PLOS ONE, apre la strada a nuovi modelli di trattamento per le patologie intestinali associate alla fibrosi cistica e per la prevenzione di alcune gravi complicanze come, ad esempio, i tumori.

Leggi tutto: Fibrosi cistica: malattia modifica microbiota intestinale bambini

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

adnkronos.com

Cartilagine naso ripara ginocchio, prima italiana a Milano

 MEDICINA Pubblicato il: 13/12/2018 17:01

Cartilagine naso ripara ginocchio, prima italiana a Milano

'Nose to knee': dal naso al ginocchio. L'Istituto ortopedico Galeazzi di Milano annuncia il "primo intervento chirurgico in Italia di riparazione della cartilagine articolare del ginocchio utilizzando cellule prelevate dal setto nasale". Lo ha eseguito Giuseppe Peretti, responsabile Euorr (Equipé universitaria di ortopedia rigenerativa e ricostruttiva) dell'Irccs del gruppo ospedaliero San Donato-Gsd, docente all'università Statale del capoluogo lombardo. L'operato è un giovane paziente che da più di 3 anni soffriva di forti dolori e limitazioni funzionali a causa di una lesione cartilaginea del ginocchio e che, per il riacutizzarsi dei sintomi, è stato sottoposto alla nuova tecnica a 10 anni da un primo intervento con metodica tradizionale.

Leggi tutto: Cartilagine naso ripara ginocchio, prima italiana a Milano