Notizie su Malattie Rare e Salute

notizie selezionate dallo staff RMR

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

agi.it/salute 

Guida alla stesura del testamento biologico

Ora è possibile indicare i trattamenti sanitari da ricevere o respingere qualora ci si trovasse in condizioni di incoscienza. Ma come fare? 

AGI 31 gennaio 2018, 07:57
Guida alla stesura del testamento biologico

Entra in vigore oggi la legge sul testamento biologico approvata il 14 dicembre 2017, dopo un lungo iter parlamentare e non poche polemiche. Il cuore della legge, ovviamente, sono le dichiarazioni anticipate di trattamento (Dat), con le quali è possibile dare indicazioni sui trattamenti sanitari da ricevere o respingere in casi in cui ci si trovasse in condizioni di incoscienza. Ma come fare? Questo è un breve vademecum a domanda e risposta, con il contributo dell'Associazione Luca Coscioni, che per anni si è spesa per l'approvazione della legge dopo casi dolorosi come quelli di Eluana Englaro e Piergiorgio Welby. 

Chi può fare il biotestamento?

Tutti i cittadini maggiorenni e capaci di intendere e di volere possono redigere un documento in cui indicare i trattamenti sanitari che si vogliono ricevere e quelli ai quali si rinuncerebbe nel caso in cui non si fosse più in grado di esprimersi e prendere decisioni autonomamente. Con il biotestamento non si possono esigere trattamenti sanitari contrari alle leggi.

Leggi tutto: Guida alla stesura del testamento biologico

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

popsci.it

Malattia di Lyme: sintomi SNC non causati da batterio

MEDICINA Feb 01,2018 

(Reuters Health) – Nei pazienti con sintomi neurologici della malattia di Lyme, non ci sarebbero prove che l’infezione si diffonda a livello del sistema nervoso centrale. A dimostrarlo sarebbe stato un team di ricercatori guidati da John Halperin dell’Overlook Medical Center di Summit, in New Jersey, che hanno pubblicato uno studio su Clinical Infectious Diseases.

Si ipotizza risposta immunitaria
L’encefalopatia di Lyme si manifesta con anomalie a livello cognitivo, riscontrate da test specifici, ma non è chiaro quali meccanismi siano alla base di questo fenomeno. “Le difficoltà cognitive, di memoria e di concentrazione spesso attribuite alla malattia di Lyme non sono causate da infezione a livello cerebrale o attivazione immunitaria nel sistema nervoso”, afferma Halperin, che per spiegare il meccanismo ha ipotizzato che “potrebbe esserci un’attivazione immunitaria a livello sistemico”.

Leggi tutto: Malattia di Lyme: sintomi SNC non causati da batterio

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ansa.it

Con stampante 3D e cellule dei pazienti, riprodotto l'orecchio di cinque bambini

In Cina, erano nati nati con una malformazione del padiglione 

Redazione ANSA ROMA 30 gennaio 2018 14:06
Con stampante 3D e cellule dei pazienti, riprodotto l'orecchio di cinque bambini © Ansa

- In Cina, per la prima volta, utilizzando cellule del paziente e una stampante 3D, è stato ricostruito l'orecchio di 5 bimbi (tra i 6 e i 9 anni) nati con un'anomalia del padiglione auricolare, che si presentava retratto e rimpicciolito (microtìa o microzìa). I risultati degli interventi e del monitoraggio (tuttora in corso, il follow up è durato per 2,5 anni dall'operazione) sono stati resi noti sulla rivista EBIOMedicine. La ricostruzione dell'orecchio è stata coordinata da Ylin Cao del Tissue Engineering Research Key Laboratory di Shanghai e Università Jiao Tong a Shanghai.

Leggi tutto: Con stampante 3D e cellule dei pazienti, riprodotto l'orecchio di cinque bambini

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ansa.it

Scompare leucemia in bimbo curato con cellule 'riprogrammate'

Primo italiano. Ha 4 anni e sta bene, sparite cellule tumorali dal midollo

Redazione ANSA ROMA 01 febbraio 2018 14:42

TERAPIA GENICA BAMBINO GESU' © ANSA

Manipolare geneticamente le cellule del sistema immunitario per renderle capaci di riconoscere e attaccare il tumore. Lo hanno fatto i medici dell'Ospedale Bambino Gesù di Roma con un bimbo di 4 anni affetto da leucemia linfoblastica acuta, refrattario a terapie convenzionali. E' il primo paziente italiano curato con tale metodo rivoluzionario.
    Ad un mese dall'infusione delle cellule riprogrammate nei laboratori del Bambin Gesù, il piccolo sta bene ed è stato dimesso: nel midollo non sono più presenti cellule leucemiche.

Leggi tutto: Scompare leucemia in bimbo curato con cellule 'riprogrammate'

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ansa.it

Un'arma 'a colpo sicuro' per riparare il Dna

Realizzata in Italia, per correggere i difetti legati alle malattie

Redazione ANSA 30 gennaio 2018 16:00
Messa a punto in Italia un'arma più precisa per correggere i difetti del Dna (fonte: Adapted from H. Nishimasu et al., Cell, 156, 5 (2014); Wikimedia/Creative Commons) © Ansa

Svolta per la ricerca sul taglia-incolla del Dna. Una ricerca italiana, pubblicata sulla rivista Nature Biotechnology e condotta nel Cibio (Centre for Integrative Biology) dell'università di Trento ha trovato il modo di renderlo un'arma di precisione pressoché assoluta, che spara un solo proiettile e uccide il Dna malato.

"Abbiamo sviluppato una variante della molecola Crispr/Cas9 più sicura e affidabile di qualunque altra finora descritta, che effettua il taglio di Dna soltanto nel punto voluto", sottolinea Anna Cereseto, del Cemtro per la biologia intregrativa del Cibio e prima autrice dell'articolo.

Secondo i ricercatori ciò renderà l'editing del genoma utilizzabile per la correzione delle alterazioni presenti, ad esempio in malattie genetiche e tumori. "Abbiamo messo a punto un metodo sperimentale attraverso cui otteniamo una molecolaevoCas9, davvero precisa nel cambiare il Dna". Si tratta di "un enzima di affidabilità assoluta, che effettua il cambiamento soltanto nel punto stabilito", commenta Anna Cereseto, del Cibio.

Leggi tutto: Un'arma 'a colpo sicuro' per riparare il Dna