Notizie su Malattie Rare e Salute

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ansa.it

Una proteina può agire per abbassare la pressione

Ricercatori Singapore scoprono il ruolo della galectina 

Redazione ANSA ROMA 30 maggio 2018 15:34
Scoperta la proteina che abbassa la pressione © Ansa   C'è un modo in più per combattere l'ipertensione: basta toccare una proteina specifica. La scoperta è della National University of Singapore che ha individuato questo nuovo sistema per controllare la pressione del sangue. Il lavoro è stato pubblicato sulla rivista scientifica Circulation. La galectina-1, una proteina del corpo, influenza la funzione di un'altra proteina di tipo-L del canale di calcio che normalmente agisce per contrarre i vasi sanguigni.

Leggi tutto: Una proteina può agire per abbassare la pressione

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ansa.it

Superchirurghi grazie alla robotica, Italia prima in Europa

Installato sistema numero 100, si riduce divario Nord-Sud

Redazione ANSA ROMA 30 maggio 2018  14:58
Superchirurghi grazie alla robotica, Italia prima in Europa © Ansa

    Con 18 mila interventi di chirurgia robotica nel 2017 e l'installazione del centesimo robot Da Vinci al policlinico di Catania, l'Italia raggiunge la Francia al primo posto in Europa. Prima di Germania e Regno Unito. E l'Europa, con 742 robot Da Vinci installati, si piazza al secondo posto dopo gli Stati Uniti, che ne ha 2.862. Nel mondo, dopo la ginecologia, è la chirurgia urologica ad essere la principale area di intervento con il robot. In Italia invece, è l'urologia a farla da padrona, con il 67% di interventi, seguita da chirurgia generale (16%), ginecologia (10%). L'incremento registrato è dell'83% a partire dal 2006.

Leggi tutto: Superchirurghi grazie alla robotica, Italia prima in Europa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La prima cornea stampata in 3D, con staminali umane

E' un prototipo, verso riserve illimitate per i trapianti

Redazione ANSA  30 maggio 2018 15:11

La cornea stampata in 3D con le cellule staminali umane (fonte: Newcastle University) © Ansa

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

adnkronos.com

Addio codice rosso e verde, al pronto soccorso si cambia

 SANITÀ Pubblicato il: 30/05/2018 20:10

Addio codice rosso e verde, al pronto soccorso si cambia

   Il 'codice rosso' non sarà più sinonimo di pericolo immediato nei pronto soccorso del Lazio. Cambierà, infatti, nella Regione, dal prossimo anno il sistema di 'filtro' per i pazienti che arrivano nei dipartimenti di emergenza. E' stato presentato questa mattina l’aggiornamento delle linee guida sul triage intraospedaliero (che verrà sancito dalla Conferenza Stato-Regioni) e che sarà operativo a partire dal 2019. Un gruppo di lavoro regionale composto da operatori e professionisti ha infatti studiato e sperimentato negli ultimi due anni un nuovo triage ospedaliero a 5 codici. Una classificazione che permette più 'sfumature'.

Leggi tutto: Addio codice rosso e verde, al pronto soccorso si cambia

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

 Cittadinanzattiva

Comunicato stampa
                                                                                                                            Roma, 29 maggio 2018

 

Presentato il XVI Rapporto nazionale sulle politiche della cronicità: molti atti e pochi fatti. Difficoltà di accesso ai servizi e disagi economici e psicologici restano senza risposta

 

Si fanno riforme, atti e provvedimenti, ma le persone con patologie croniche e rare ancora non vedono grandi risultati e non si sentono al centro del percoro recepito formalmente, mentre il Piemonte ha l’iter di recepimento ancora in corso. I nuovi LEA, che riconoscono nuovi diritti per i cittadini, per una buona parte invece sono ancora totalmente bloccati dalla mancata emanazione dei due decreti per la definizione delle tariffe massime delle prestazioni ambulatoriali e quello dei dispositivi protesici. E ancora mancano gli accordi di Stato e Regioni sui criteri per uniformare l’erogazione delle prestazioni demandate alle regioni che, se approvati, potrebbero ridurre iniquità e oneri inutili per i cittadini.” - Queste le dichiarazioni di Tonino Aceti, responsabile del Coordinamento nazionale della Associazioni dei Malati Cronici – “E se nel Piano cronicità le Associazioni hanno avuto e continuano ad avere un ruolo da protagoniste e hanno un luogo, la Cabina di Regia, in cui concorrere all’implementazione e al monitoraggio, altrettanto non si può dire per i LEA che restano autoreferenziali. L’appello che lanciamo oggi è quello di aprire la Commissione Nazionale LEA alle organizzazioni civiche”.

Leggi tutto: Presentato il XVI Rapporto nazionale sulle politiche della cronicità: molti atti e pochi fatti....