Notizie su Malattie Rare e Salute

Notizie dal WEB selezionate dallo Staff di RMR su Medicina, Salute, Genetica, Chirurgia, Malattie Rare, Farmaci, Bioetica e Nuove Tecnologie.

RDD2020 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ansa.it

Probiotici come disinfettanti, riducono le infezioni ospedaliere

Studio italiano, agenti a base di microbi per pulire i reparti

Redazione ANSA ROMA 01 marzo 2019 14:55
Probiotici come disinfettanti, riducono le infezioni ospedaliere © Ansa      Disinfettanti biologici a base di probiotici (come i batteri intestinali o i fermenti in commercio) sono efficaci contro le infezioni ospedaliere, riducono la presenza di ceppi antibiotico-resistenti, riducono i casi di infezione e anche i costi correlati.
    La conferma arriva da uno studio italiano di lungo corso svolto tra Università di Ferrara, Udine e Bocconi e pubblicato sulla rivista Infection and Drug Resistance.

Leggi tutto: Probiotici come disinfettanti, riducono le infezioni ospedaliere

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

cnr.it

NEWS
28/02/2019
Struttura atomica della nuova proteina Set7

  E’ stata identificata e caratterizzata la proteina denominata Set7, prodotta dall’organismo Schizosaccharomyces pombe e appartenente alla famiglia delle istone-metiltransferasi (HMT).  Le HMT sono coinvolte nel meccanismo di metilazione degli istoni, per cui hanno un ruolo chiave nel processo di regolazione trascrizionale. Lo studio delle interazioni tra HMT e i loro differenti substrati è quindi di estrema importanza per la comprensione dei meccanismi che regolano la gametogenesi e/o la spermatogenesi.

Leggi tutto: Scoperta una nuova proteina coinvolta nei meccanismi epigenetici alla base della infertilità...

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

gaslini.org

Malattie rare: identificata grave malattia degenerativa infantile

I ricercatori dell’Istituto Gaslini e del Friedrich Baur University Institute hanno identificato il gene responsabile di una rara forma di neuropatia degenerativa. 
Si aprono percorsi terapeutici mediante terapia genica e protocolli farmacologici

Articolo pubblicato il 28 Febbraio 2019

   Nell’ambito di un lavoro cooperativo e multicentrico internazionale coordinato dal Prof. Jan Senderek del Friedrich Baur University Institute di Monaco (Germania), l’Istituto Giannina Gaslini di Genova ha contribuito all’identificazione di un nuovo gene chiamato CCP1 responsabile di una rara forma di neuropatia degenerativa la cui patogenesi non era ancora nota. Questa ricerca è il risultato di una stretta collaborazione che, all’interno dell’Irccs G. Gaslini, è stata coordinata dalla dottoressa Valeria Capra, neurogenetista dell’UOC Neurochirurgia diretta dal dottor Armando Cama.

Leggi tutto: Malattie rare: identificata grave malattia degenerativa infantile [Ist.Gaslini - Genova]

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

SOCIAL RARE: Pubblicato il Libro Bianco sulla Legge del "Dopo di Noi"

   All'Evento Nazionale che UNIAMO Federazione Italiana Malattie Rare ha organizzato ieri per celebrare la XII Edizione della Giornata delle Malattie Rare, è stato presentato il Libro Bianco sulla Legge 112/2016, meglio conosciuta come Legge del "Dopo di Noi".

   Il Vademecum si inserisce tra le azioni previste dal Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, “Social Rare – Quadro sociale, nuove azioni e proposte per i malati rari”, una proposta formativa fortemente operativa e incentrata su un modello di interazione particolare: esperienze concrete che valorizzano il progetto di vita e delle nuove forme di abitare sociale.

Leggi tutto: SOCIAL RARE: Pubblicato il Libro Bianco sulla Legge del "Dopo di Noi"

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

ansa.it

In sviluppo test per diagnosticare la sepsi in 2 minuti e mezzo

Mini-sensore aiuta a trovare anche antibiotico più efficace

Redazione ANSA ROMA 26 febbraio 2019 11:19
 © ANSA

  Solo 2,5 minuti: tanto ci mette a dare il risultato il nuovo test per diagnosticare rapidamente la sepsi. A svilupparlo, e provarlo finora in laboratorio, sono stati i ricercatori dell'università scozzese di Strathclyde, il cui studio è pubblicato sul Biosensors and Bioelectronics journal. L'esame si serve di un mini-sensore che rileva se una delle proteine-marcatrici della sepsi - l'interleuchina-6, è presente nel sangue. "Il test che immaginiamo potrebbe essere fatto al letto del paziente, con medici o infermieri che possono rilevare da soli i livelli di questo biomarcatore", spiega Damion Corrigan, uno dei ricercatori. L'idea è di poterlo impiantare e usare nei malati ricoverati nelle unità di cura intensiva. Questo mini elettrodo può sia rilevare la sepsi che diagnosticare il tipo di infezione e l'antibiotico più efficace.

Leggi tutto: In sviluppo test per diagnosticare la sepsi in 2 minuti e mezzo