Notizie su Malattie Rare e Salute

Notizie dal WEB selezionate dallo Staff di RMR su Medicina, Salute, Genetica, Chirurgia, Malattie Rare, Farmaci, Bioetica e Nuove Tecnologie.

RDD2020 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

pharmastar.it

Possibile individuazione precoce di amiloidosi cardiaca in seguito a intervento al tunnel carpale

Sabato 20 Ottobre 2018  G.O.

   Il campionamento tissutale tenosinoviale al momento dell'intervento chirurgico nei pazienti con sindrome del tunnel carpale può aiutare a individuare precocemente l'amiloidosi cardiaca quando quest’ultima malattia è ancora in fase reversibile o può essere bloccata. È quanto riportato in un articolo pubblicato sul “Journal of American College of Cardiology”. 

Su 98 pazienti sottoposti a intervento chirurgico, 10 avevano una biopsia tenosinoviale positiva per l'amiloide, scrivono i ricercatori, coordinati da Mazen Hanna, della Cleveland Clinic in Ohio. 

Leggi tutto: Possibile individuazione precoce di amiloidosi cardiaca in seguito a intervento al tunnel carpale

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

pharmastar.it

Angioedema ereditario, parere positivo per lanadelumab, primo inibitore della callicreina

  Il Chmp dell’Ema ha dato parere positivo per l’approvazione di lanadelumab, il primo farmaco di una nuova classe indicato per il trattamento di pazienti di età pari o superiore a 12 anni affetti da angioedema ereditario, una rara malattia ereditaria che provoca edema. Il farmaco è un anticorpo monoclonale che ha come bersaglio la callicreina plasmatica. Sviluppato da Shire una volta approvato in via definitiva sarà messo in commercio con il maerchio Takhzyro,
L’anticorpo monoclonale, è stato approvato per il trattamento di pazienti con angioedema ereditario di tipo I e II (HAE), una malattia che colpisce circa 1 su 50.000 persone.

Leggi tutto: Angioedema ereditario, parere positivo per lanadelumab, primo inibitore della callicreina

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

pharmastar.it

Sclerosi multipla, ottimi risultati del trapianto di staminali nelle forme aggressive della malattia

  • Giovedi 18 Ottobre 2018 Davide Cavaleri

Il trapianto di cellule staminali autologhe in 20 pazienti affetti da una forma estremamente aggressiva di sclerosi multipla (MS) naive al trattamento non ha dato evidenza di attività di malattia post-trapianto, secondo i risultati di uno studio presentato al congresso dell’European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (ECTRIMS) che si è tenuto a Berlino. 

   «Ciò che è particolarmente nuovo e interessante di questi pazienti è che non avevano avuto altri trattamenti modificanti la malattia prima del trapianto di cellule staminali», ha commentato Joyutpal Das del Royal Hallamshire Hospital a Sheffield, Regno Unito. «Adottavamo questa procedura come trattamento di prima linea in pazienti che presentavano una forma molto aggressiva di SM, che stavano diventando disabili molto rapidamente e avevano quindi bisogno di qualcosa di estremamente efficace per avere un impatto sulla loro malattia». 

Leggi tutto: Sclerosi multipla, ottimi risultati del trapianto di staminali nelle forme aggressive della malattia

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Comunicato Stampa Cittadinanzattiva.it

Consolidate disuguaglianze fra le varie aree del Paese. Si apra confronto su proposta di autonomia differenziata per non ledere principi fondanti del SSN

Su tempi di attesa, gestione delle cronicità, accesso ai farmaci innovativi, coperture vaccinali e screening oncologici si registrano disuguaglianze sempre più nette fra le varie aree del Paese. E non sempre al Nord va meglio che al Sud.

Ad esempio se le regioni meridionali arrancano sull’adesione agli screening oncologici, sulle coperture vaccinali sono soprattutto quelle del Centro-Sud ad aver raggiunto la soglia del 95%. Se al Nord si investe di più e meglio per l’ammodernamento delle strutture e dei macchinari, sulle liste di attesa si registrano picchi negativi anche nelle aree settentrionali; ad esempio, per un intervento di protesi d’anca si attende di più in Veneto che in Calabria e per una coronarografia più in Piemonte che in Abruzzo. Questo il quadro che emerge dal VI Rapporto dell’Osservatorio civico sul federalismo in sanità, presentato oggi da Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato, con il contributo non condizionato di Bristol-Myers Squibb, Janssen e Sanofi.

Leggi tutto: Consolidate disuguaglianze fra le varie aree del Paese. Si apra confronto su proposta di autonomia...

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

adnkronos.com

Spina bifida corretta in utero, intervento record a Milano

 MEDICINA Pubblicato il: 18/10/2018 11:15
Spina bifida corretta in utero, intervento record a Milano

Il team del San Raffaele di Milano
che ha eseguito l'intervento
di correzione della spina bifida in utero

   La diagnosi era arrivata alla 19esima settimana di gravidanza, con tutta la forza delle immagini ecografiche e di risonanza magnetica: spina bifida, due parole che segnano il destino di un bambino, prima ancora che venga al mondo. Un destino che si gioca in uno spazio microscopico, quello che impedisce a una o più vertebre di chiudersi. Ed è in quello spazio che è intervenuto, nel calore del grembo materno, il bisturi di due team di specialisti dell'ospedale San Raffaele di Milano, autori di un intervento di correzione completa neurochirurgica della spina bifida in utero con una tecnica, precisano dalla struttura, "mai utilizzata prima in Europa".

Leggi tutto: Spina bifida corretta in utero, intervento record a Milano