Notizie su Malattie Rare e Salute

Notizie dal WEB selezionate dallo Staff di RMR su Medicina, Salute, Genetica, Chirurgia, Malattie Rare, Farmaci, Bioetica e Nuove Tecnologie.

RDD2020 

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Farmaci

farmacista33.it

Malattie rare, farmaci off-label e ruolo del farmacista, se ne parla a FarmacistaPiù

Malattie rare, farmaci off-label e ruolo del farmacista, se ne parla a FarmacistaPiù


    Il ruolo che il farmacista può avere nella rete nazionale delle malattie rare è il tema di uno dei convegni organizzato da Utifar per venerdì 4 ottobre, alle ore 16.00, presso la sala Green del MiCo di Milano, nell'ambito di FarmacistaPiù, il congresso nazionale dei farmacisti italiani, in programma i prossimi 4 e 5 ottobre. Lo ricorda una nota Utifar, che è tra i promotori dell'iniziativa. Istituita con il Decreto Ministeriale n. 279 del 18 maggio 2001, la Rete tende a sviluppare azioni di prevenzione, sorveglianza, miglioramento degli interventi nella diagnosi e terapia, promozione dell'informazione e della formazione. Utifar con questo convegno vuole sottolineare una nuova opportunità per la professione, dove il farmacista ha un ruolo fondamentale nella gestione della terapia del paziente.

Leggi tutto: Malattie rare, farmaci off-label e ruolo del farmacista, se ne parla a FarmacistaPiù

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Ricerca

adnkronos.com

Passi avanti per biopsia liquida, rileva 20 tipi di cancro

 MEDICINA Pubblicato il: 30/09/2019 14:24 Passi avanti per biopsia liquida, rileva 20 tipi di cancro

Leggi tutto: Passi avanti per biopsia liquida, rileva 20 tipi di cancro

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Farmaci

pharmastar.it

Caso ranitidina, l'Agenzia europea chiede test su tutti i farmaci per le impurità a base di nitrosoamine

Giovedi 26 Settembre 2019  Redazione 

Dopo il ritiro dei lotti dei medicinali contenenti ranitidina prodotti presso un’officina farmaceutica indiana a causa della presenza di impurità potenzialmente cancerogene a base di nitrosoamine, disposto pochi gironi fa dall’Aifa, è scattato l’allarme a livello europeo.

Il motivo del ritiro è la presenza, in alcuni di questi lotti, di una impurezza denominata N-nitrosodimetilammina (NDMA) appartenente alla classe delle nitrosammine, già rilevata nel 2018 in una classe di farmaci anti-ipertensivi (sartani).

Leggi tutto: Caso ranitidina, l'Agenzia europea chiede test su tutti i farmaci per le impurità a base di...

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Malattie rare: transizione da pediatra a specialista dell'adulto non è solo un passaggio di consegne

Venerdi 27 Settembre 2019  Redazione

Nello LSD Academy 2019 si affronta il tema ancora poco conosciuto del delicato passaggio dal pediatra al medico dell'adulto per i pazienti affetti da malattie rare e da malattie da accumulo lisosomiale.  
"Non si può improvvisare, sono necessari protocolli e linee guida", è l'appello della comunità scientifica.

Romina (il nome è di fantasia) ha 34 anni ed è affetta da Mucopolisaccaridosi di tipo IV, una malattia da accumulo lisosomiale. Romina è alta 90 centimetri e ha gravi problemi all’apparato scheletrico. È una paziente adulta arrivata al Policlinico Gemelli nel 2014 dall’Ospedale Bambin Gesù. La sua storia e la sua testimonianza diretta rappresentano un caso di “transizione”, ovvero un passaggio programmato da un sistema di cure centrato sull’età pediatrica a uno orientato verso l’età adulta. Un passaggio per nulla scontato e ancora poco approfondito. Ecco perché il tema è al centro dell’incontro LSD Academy 2019, organizzato da Shire Italia ora parte di Takeda, in corso oggi, venerdì 27 settembre 2019, a Roma.

Leggi tutto: Malattie rare: transizione da pediatra a specialista dell'adulto non è solo un passaggio di consegne

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

cnr.it

COMUNICATO STAMPA

La 'mappa' degli organi più a rischio di effetti collaterali della radioterapia

26/09/2019

Il Cnao, Centro nazionale di adroterapia oncologica, e l’Istituto di biostrutture e bioimmagini del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr-Ibb) hanno avviato un progetto per identificare i tessuti più soggetti al rischio di sviluppare effetti collaterali a seguito del trattamento radioterapico. Per realizzarlo saranno analizzati i dati di pazienti sottoposti ad adroterapia, forma avanzata di radioterapia che utilizza fasci di protoni e ioni carbonio al posto dei raggi X. L’obiettivo principale dell’adroterapia è proprio garantire un trattamento preciso ed efficace al tumore, riducendo al minimo il carico sui tessuti sani

Il Cnao, Centro nazionale di adroterapia oncologica, è uno dei sei centri al mondo in grado di effettuare l’adroterapia con protoni e ioni carbonio, l’unico in Italia per ioni carbonio. A differenza della radioterapia convenzionale basata su raggi X, l’adroterapia è dotata di una maggiore efficacia radiobiologica sulla massa tumorale e di una maggiore capacità di colpire i tessuti malati, limitando la dose rilasciata ai tessuti sani. L’adroterapia oncologica è utilizzata per trattare tumori non operabili, che non rispondono alle cure della radioterapia tradizionale a raggi X e che spesso si trovano in prossimità di organi a rischio. Fra questi rientrano cordomi, sarcomi, condrosarcomi, carcinomi adenoido-cistici, meningiomi e tumori solidi pediatrici.

Leggi tutto: La 'mappa' degli organi più a rischio di effetti collaterali della radioterapia