×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

Stimolazione wireless, altri 3 pazienti tornati a camminare

Tecnica Courtine ha ridato funzionalità arti a 6 paraplegici

Redazione ANSA  04 aprile 2019 16:24

    Altri tre pazienti paraplegici hanno recuperato la funzionalità delle gambe e ricominciato a camminare grazie alla tecnica di stimolazione elettrica del midollo spinale 'wireless', messa a punto dal gruppo di Grégoire Courtine, titolare della Cattedra della International Paraplegic Foundation presso il Politecnico Federale di Losanna, e Jocelyne Bloch del Policlinico Universitario di Losanna. Ad annunciarlo, in un'intervista all'ANSA, è lo stesso Courtine. Ad oggi sono 6 i pazienti che hanno recuperato la funzionalità delle gambe con la tecnica Stimo STImulation Movement Overground.


    Courtine domani presenterà i risultati della tecnica in un convegno alla Fondazione Santa Lucia IRCCS. Nel 2018 il gruppo di ricerca svizzero, in un doppio studio su Nature, aveva annunciato i risultati della sperimentazione che, per la prima volta, aveva permesso a tre persone paraplegiche di tornare a camminare. "Adesso - afferma Courtine - sono quindi 6 le persone paraplegiche che hanno ripreso a camminare attraverso la stimolazione wireless, che veicola impulsi di stimolazione midollare attraverso un impianto senza fili. Abbiamo dimostrato così un miglioramento della funzione neurologica in questi pazienti e ciò è sorprendente. Per 2 dei 6 pazienti, inoltre, si è registrato un miglioramento del controllo della funzionalità degli arti anche quando la stimolazione elettrica veniva spenta.
    Un recupero importante e impensabile - sottolinea - al quale si affianca un percorso di riabilitazione". Il prossimo passo, spiega, sarà duplice e riguarderà sia il versante tecnologico sia quello terapeutico. Sul versante tecnologico, chiarisce, "bisognerà ulteriormente migliorare i dispositivi utilizzati, rendendo la tecnica di più facile utilizzo. Attualmente, infatti la stimolazione wireless viene effettuata posizionando un pace-maker a livello lombare nel paziente, ed un'antenna posizionata all'altezza dell'addome invia il comando per la stimolazione midollare. Tutta l'operazione è controllata attraverso un piccolo tablet. L'obiettivo - spiega - è arrivare ad inviare il comando di stimolazione attraverso un Iphone o un Iwatch". Sul versante terapeutico, invece, "finora la tecnica è stata utilizzata su persone con lesioni spinali 'vecchie' di alcuni anni, ma i test sui topi hanno dimostrato che un utilizzo della tecnica su lesioni recenti dà risultati notevolmente migliori. Per questo - annuncia - dal 2020 avvieremo una nuova sperimentazione su pazienti con lesioni spinali recenti, a partire dalle 4 settimane precedenti, e per i quali ci attendiamo risultati ancora migliori. Si inizierà con 20 pazienti per poi estendere il test ad un'ottantina. Inizialmente saranno coinvolti centri in Germania, Olanda e Svizzera ma, in una seconda fase, potrebbero entrare anche centri italiani come la Fondazione Santa Lucia".
  


Fonte: ansa.it
URL:  http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2019/04/04/stimolazione-wireless-altri-3-pazienti-tornati-a-camminare_1c561245-23e5-4946-992c-69e96b4a6a8c.html