×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.


ansa.it

Cresce uso biotecnologie in ortopedia, nuova arma di cura

Ortopedici, a breve 35% pazienti eviterà l'intervento chirurgico

Redazione ANSA ROMA 23 maggio 2019 17:26

(ANSA) - ROMA, 23 MAG - Cresce l'uso delle biotecnologie nel trattamento dell'artrosi precoce: la terapia con farmaci biologici rallenta infatti la degenerazione articolare e ritarda la sostituzione con protesi. È quanto emerge dal 50/mo Congresso degli Ortopedici Ospedalieri d'Italia (Otodi) in corso a Sorrento: a breve, affermano gli esperti, "il 35% dei pazienti eviterà l'intervento chirurgico" ma l'invito è quello di rivolgersi solo a medici specialisti. L'uso delle biotecnologie in ortopedia, sottolinea l'Otodi, "continua a dare risultati soddisfacenti e il numero dei pazienti che ha evitato l'intervento chirurgico nel 2018 è in continua crescita".

Acido ialuronico, fattori di crescita e cellule staminali, spiegano gli ortopedici, "danno risultati soddisfacenti e in pochi anni potrebbero sostituire fino al 35% delle operazioni chirurgiche. Basti pensare che sui giovani colpiti da preartrosi l'ortopedico ricorre quasi sempre alle cellule staminali". Ad oggi, ad esempio, oltre il 40% dei soggetti (50% maschi e 50% femmine) trattati con Prp (Plasma ricco di piastrine), campi magnetici e riabilitazione ha ottenuto significativi miglioramenti. "Il processo degenerativo delle articolazioni - sottolinea Giuseppe Monteleone, presidente del Congresso - spesso inizia in maniera insidiosa con fastidiosi doloretti saltuari o sotto stress. Fino a pochi anni fa si tendeva a sottovalutare la patologia inducendo i pazienti a terapie saltuarie sintomatologiche e a cambiare le proprie abitudini di vita adattandole alla patologia e riducendo la richiesta funzionale dell'articolazione 'consumata', in attesa della sostituzione dell'articolazione con una protesi meccanica". Oggi non è più così proprio grazie alle biotecnologie e l'ultima frontiera del trattamento rigenerativo, sottolinea Monteleone, "è il trattamento con cellule staminali o cellule mesenchimali attivate. Le tecniche moderne di prelievo dal sangue periferico o dal tessuto adiposo hanno minimizzato l'invasività rendendo applicabile questa tecnica a un numero elevato di persone in ambito di day surgery o addirittura ambulatoriale". Oggi, conclude, "il trattamento con farmaci biologici è in grado di rallentare la degenerazione articolare e pertanto ritardare la sostituzione protesica".(ANSA).


Fonte: ansa.it
URL: http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2019/05/23/cresce-uso-biotecnologie-in-ortopedia-nuova-arma-di-cura_6669aab7-862c-443a-b4cb-62a5479437a9.html