×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.


ansa.it

L'intelligenza artificiale prevede la progressione dell'Alzheimer

Un test messo a punto al Mit aiuterà a calibrare le terapie

Redazione ANSA 05 agosto 2019 08:05
Un test basato sull'intelligenza artificiale, messo a punto al Mit, riesce a prevedere la progressione del morbo di Alzheimer nei due anni successivi (fonte: Christine Daniloff, MIT) © Ansa

L'intelligenza artificiale riesce a prevedere il declino cognitivo legato al morbo di Alzheimer nell'arco dei successivi due anni, fornendo un aiuto concreto alla ricerca volta a mettere a punto nuove terapie e a individuare i pazienti che potrebbero rispondere meglio a quelle attualmente disponibili. Il sistema e' stato messo a punto negli Stati Uniti, presso il Media Lad del Massachusetts Institute of Technology (Mit), e la presentazione e' prevista nella conferenza su Apprendimento delle macchine e salute.


E' un risultato importante, inseguito da anni dalle tante ricerche condotte in questa direzione dalle aziende farmaceutiche: il rapporto pubblicato nel 2018 dall'associazione delle aziende farmaceutiche americane (Pharmaceutical Research and Manufacturers of America, PhRMA) calcola che siano state ben 146 nel periodo compresso fra il 1998 e il 2017 e quasi tutte senza successo. Attualmente sono 90 i candidati farmaci in via di sviluppo.

Il sistema ha prima dovuto 'imparare' e lo ha fatto dalla piu' grande banca di dati clinici sull'Alzheimer, l'Alzheimer's Disease Neuroimaging Initiative (Adni), che contiene dati su 1.700 persone. 

"Previsioni accurate del declino cognitivo da sei a 24 mesi sono cruciali per progettare le sperimentazioni cliniche", ha rilevato Oggi Rudovic, del Media Lab del Mit. "Essere in grado di prevedere il declino cognitivo - ha aggiunto - potrebbe ridurre il numero di visite che attualmente i pazienti sono costretti a fare". Un altro obiettivo e' ridurre i costi delle sperimentazioni cliniche e rendere piu' facile affrontare test su larga scala.


Fonte: ansa.it
URL: http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/biotech/2019/08/05/lintelligenza-artificiale-prevede-la-progressione-dellalzheimer-_5c889fc4-dcce-4304-a0e2-893ebb4dd35a.html