×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

quotidianosanita.i

Anelli (Fnomceo) a Conte: “In cima all’agenda del nuovo Governo ci siano la salute e la sanità”

Questa la richiesta del presidente della federazione alla luce delle gravi criticità della sanità a partire dalla carenza dei medici e alla soluzione adottata dal Veneto che compromette i livelli di qualità del Ssn: “Una situazione esplosiva, se non affrontata con urgenza e nei giusti termini”

Anelli (Fnomceo)

30 AGO - Riportare in cima all’agenda politica la sanità e la salute dei cittadini. A chiederlo a Giuseppe Conte, presidente del Consiglio incaricato di formare il nuovo Governo, è il presidente della Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli.

 
“Al Professor Conte chiediamo di riportare tra gli argomenti prioritari del nascente Governo i temi della salute e della sanità – dichiara Anelli – in questo mese di agosto, insieme alla crisi di Governo è scoppiata anche la crisi della carenza dei medici. Una crisi da tempo annunciata ma che solo negli ultimi tempi, quando già mostrava i primi effetti, si è cercato di tamponare, più che di prevenire o risolvere”.
 
“Il Veneto ha adottato una delibera con la quale intende assumere cinquecento neolaureati nel sistema sanitario regionale, compromettendo così i livelli di qualità del nostro Ssn – spiega Anelli – in molte Regioni questa pratica è già diffusa, e giustificata con la necessità di non chiudere reparti e non sospendere l’erogazione dei servizi”.

“Si tratta di una situazione esplosiva, se non affrontata con urgenza e nei giusti termini - continua il Presidente Fnomceo – ma molte altre sono le questioni ancora irrisolte. C’è il fronte della violenza contro gli operatori sanitari, che attende un provvedimento concreto ed efficace. C’è il tema del definanziamento, che mette a dura prova l’erogazione delle cure e dei servizi, minando alla base l’indipendenza e l’autonomia della Professione, costrette in mille vincoli economici e burocratici, e aumenta le disuguaglianze di salute sul territorio”.

30 agosto 2019


Fonte: quotidianosanita.i
URL: http://www.quotidianosanita.it/governo-e-parlamento/articolo.php?articolo_id=76543