×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

ansa.it

Le prime cellule sintetiche a guida autonoma

Progettate al computer per trasportare i farmaci

Redazione ANSA 19 novembre 2019 10:00
Immagine al microscopio dello scheletro di una cellula, che ne permette i movimenti. (fonte: Howard Vindin/Wikipedia) Immagine al microscopio dello scheletro di una cellula, che ne permette i movimenti. (fonte: Howard Vindin/Wikipedia) © Ansa

 Ottenute le prime cellule sintetiche a guida autonoma, vale a dire che sono state progettate al computer in modo da muoversi autonomamente e in futuro potrebbero essere utilizzate come navette cargo per trasportare farmaci in specifiche regioni dell'organismo. Messe a punto dal gruppo dell’Università della Pennsylvania coordinato da Ayusman Sen, sono descritte sulla rivista Nature Nanotechnology.

I motori di queste cellule sintetiche sono enzimi disposti su tutta la loro superficie, che permettono alle cellule di muoversi  rispondendo a segnali chimici presenti nell'ambiente e che possono  attrarle, spingendole a muoversi, oppure respingerle innescando un movimento in direzione opposta. 

Rappresentazione grafica delle cellule a guida autonoma, il cui movimento è controllato da enzimi (in verde) (fonte: Ambika Somasundar, Penn State)

 Questo comportamento, chiamato chemiotassi, è lo stesso che permette a molti organismi di trovare sostanze nutritive o di evitare molecole potenzialmente tossiche. "Quando prendiamo un farmaco - ha detto Sen - siamo costretti ad aumentarne la dose perché la molecola si distribuisce in tutto il corpo in modo indiscriminato. Con queste cellule invece - ha precisato - in futuro potremmo direzionare il movimento dei farmaci verso segnali chimici prodotti, ad esempio, da una regione oggetto di un’infezione. Migliorando così - ha concluso - sia l’efficacia del farmaco che la sua velocità d’azione”.


Fonte: ansa.it
URL: http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/biotech/2019/11/19/le-prime-cellule-sintetiche-a-guida-autonoma_287c4a61-146f-4a82-a918-561119cccf86.html

Positive and negative chemotaxis of enzyme-coated liposome motors https://www.nature.com/articles/s41565-019-0578-8