×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.


adnkronos.com

L'appello di un papà per la figlia con una malattia rarissima

Storia di Fortunato: 'Da 100 famiglie lettera per fondi e stop burocrazia''

 SANITÀ Pubblicato il: 20/01/2020 18:14

L'appello di un papà per la figlia con una malattia rarissimadi Lucia Scopelliti
Fortunato di mestiere fa il vigile del fuoco. Ma ha anche "un secondo lavoro", racconta: "Compilo carte, mi attacco al telefono, passo ore al computer, scrivo mail, contatto la Regione, l'Ats di Milano. Tutti i giorni la stessa storia, solo per avere quello che mi spetta. E' uno stress incredibile che toglie energia. E a noi l'energia serve tutta, da dedicare alla nostra bambina e ai suoi bisogni speciali, da dedicare ai due figli adolescenti che meritano anche loro attenzione. Quando si ammala un figlio, si ammala tutta la famiglia. E la sensibilità dei politici verso chi deve fare i conti con una disabilità grave è troppo scarsa. Ci si riempie la bocca, ma non si fa nulla o quasi nulla. Ci sentiamo soli". E' lo sfogo di un padre. Ma alla sua voce si aggiungono quelle di un altro centinaio di famiglie, che hanno con sé una persona o un minore con disabilità gravissima. "Famiglie che hanno deciso di metterci la faccia", spiega Fortunato all'AdnKronos Salute, in questi giorni in cui si discute delle risorse a loro destinate. I nomi sono in calce a una lettera aperta inviata al Consiglio regionale della Lombardia, all'assessore regionale alle Politiche sociali, abitative e disabilità, Stefano Bolognini, al governatore Attilio Fontana, ma anche alla Presidenza del Consiglio dei ministri e al ministero delle Politiche sociali. E' la seconda missiva che scrivono. Perché, secondo loro, le mozioni approvate il 14 gennaio scorso non danno la certezza che le cose verranno messe a posto come devono. E poi a non funzionare sono tante cose.

Non ci sono solo i tagli a creare "enorme apprensione per la paura di vedersi sospesi servizi essenziali" per i figli, come scrivono nella lettera aperta, ma sono anche "i criteri insensati" a rendere tutto difficile, e le lungaggini burocratiche. "Si torni ai mille euro che venivano erogati negli anni precedenti - è l'appello - senza distinzione di orario di frequenza scolastica, senza il vincolo socioeconomico dell'Isee, che è come se la disabilità si misurasse economicamente. E garantendo la continuità nell'erogazione dei bonus".

I soldi, incalza Fortunato, "non ci servono per giocarli alle slot, ma per le terapie e per l'assistenza domiciliare che non basta. Sono soldi per le minime necessità dei disabili". Fortunato e Maria, insegnante part-time, per esempio hanno una bimba di quasi 4 anni "che non può essere lasciata sola mai". Roberta, una moretta con un sorriso dolce e occhi grandi e profondi, non ha avuto grande fortuna alla 'lotteria' della genetica. La malattia che le è stata diagnosticata è rarissima, una variante di una malattia già rara. Solo il nome è un inciampo: displasia campomelica acampomelica, non ha neanche un codice malattia rara. "Siamo il primo caso diagnosticato in Italia e al mondo se ne contano pochi altri, ognuno con le sue specificità. Noi siamo fortunati perché la quasi totalità dei neonati affetti non nasce neppure o non arriva all'anno di vita", racconta il papà.

La malattia colpisce tutta la parte scheletrica. Roberta non può stare in piedi senza corsetto e le serve un girello per spostarsi, ha la tracheotomia, una sonda nello stomaco, un buco nel palato, ma è una tipetta che non molla e "ha anche cominciato ad andare a scuola 2 ore al giorno. Ha una forza incredibile", assicura il papà con orgoglio. E ha "bisogni assistenziali che meritano una risposta". E per ottenerle le famiglie devono affrontare "tortuosità inimmaginabili", come l'obbligo di ripresentare ogni anno la documentazione sanitaria "su situazioni che restano invariate o al massimo peggiorano".

Oltre alla misura B1, finita sotto i riflettori per le modifiche inizialmente varate dalla Regione, esistono i voucher sociosanitari o socioeducativi di circa 500 euro al mese, "ma anche qui sono problemi. I voucher risultano difficilmente esigibili". Funziona così: "Se a me servono 20 ore di educatore in più - spiega Fortunato - faccio un progetto e mi accreditano un ente che fornisce il servizio richiesto. Peccato che l'anno scorso gli enti sono stati accreditati a giugno e il servizio ci è stato dato a settembre per 4 mesi. Gli altri 8 mesi spariti. E l'anno successivo riparte la tiritera. Passiamo la vita a fare carte e aspettare, devi stare sempre all'occhio e non perderti una delibera. Ma l'elenco delle insensatezze è lungo. Tornando al bonus, per esempio, non si ha diritto a prenderlo se il minore va a scuola per più di 25 ore. E' assurdo: la scuola è un obbligo, oltre che un diritto".

"Il fatto che le famiglie si trovino dall'oggi al domani con fondi che da 900 crollano a 400 euro è un disastro - insiste il papà - I bisogni dei nostri figli non spariscono, non sono a tempo. La Regione ci dà 400 euro e ci dice che il resto è a rimborso, se dimostriamo di assumere personale specializzato. Ma sono 200 euro di rimborso se dimostri l'assunzione di una persona per 40 ore al mese. Neanche chi raccoglie i pomodori prende 2 euro l'ora. Gli altri soldi per arrivare ai 30 euro l'ora che si prende un infermiere specializzato ce li metto io? Il 99% delle famiglie non potrà permetterselo. E' folle".

"Noi con i nostri stipendi senza aiuti faremmo una grossa fatica - continua Fortunato - Abbiamo altri due figli, viviamo a Milano, per prenderci cura di nostra figlia abbiamo tante spese da affrontare. Sì, è vero, ci rimborsano i farmaci, ma per creme, integratori, vitamine e altri parafarmaci spendiamo ogni volta 200-300 euro che nessuno ci rimborsa. Per ogni visita specialistica che esula da quelle programmate sono 300-400 euro che vanno via. La piscina, la riabilitazione ce le paghiamo noi. Se serve il fisioterapista, il logopedista, e la lista è lunghissima. La misura B1 ci ha permesso di far visitare Roberta da uno dei migliori ortopedici italiani ed è stato importante perché abbiamo capito cose prima non chiare. Senza quell'integrazione avremmo dovuto togliere lo sport o altro ai ragazzi grandi. Non c'è altro perché noi non usciamo, non andiamo a cena né facciamo weekend fuori".

Le giornate "sono tutte pianificate. Lavoriamo e poi facciamo i turni per stare vicino a nostra figlia, anche di notte, cercando di coprire i buchi con l'assistenza domiciliare. Non abbiamo più una vita e si deve lottare per tutto". Ecco perché, conclude, "non ci fermiamo qua. Noi famiglie continueremo a pressare per essere ascoltati. Il messaggio è che non si taglia ai disabili e chi ha la responsabilità di governo, e non si dimostra sensibile verso un tema così importante, non può decidere delle vite delle persone senza riflettere e capire cosa passano". 


Fonte: adnkronos.com
URL: https://www.adnkronos.com/salute/sanita/2020/01/20/appello-papa-per-figlia-con-una-malattia-rarissima_Sa7FyclBkDjBXtTy0nkJSL.html