×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

ALLARME EPIDEMIA

 Virus cinese: quasi la metà delle vittime aveva oltre 80 anni e seri problemi di salute

Delle 17 persone morte di polmonite, nove soffrivano di malattie cardiocircolatorie o altre gravi patologie. La più giovane, una donna di 48 anni, era in cura dopo un ictus. Anche al tempo della Sars la mortalità tra i giovani era stata minima

di  Sandro Orlando 
Virus cinese: quasi la metà  delle vittime aveva oltre 80 anni e seri problemi di salute

Quasi la metà delle 17 persone uccise finora dal coronavirus diffusosi nella città cinese di Wuhan aveva più di 80 anni, e la maggior parte aveva problemi di salute preesistenti. Lo riferisce il quotidiano di Hong Kong South China Morning Post, citando i dati resi noti dalle autorità sanitarie cinesi. Otto delle vittime avevano più di 80 anni, e due più di 70; tra i pazienti morti poi si contano cinque sessantenni, un uomo cinquantenne e una donna di 48 anni, la vittima più giovane.

Tutti i contagiati — 13 uomini e quattro donne — provenivano dalla provincia dell’Hubei, nella Cina centrale, e sono stati curati negli ospedali nel sua capitale, Wuhan, dove il virus si è manifestato per la prima volta dicembre. Almeno nove vittime erano in cura per patologie come diabete, cirrosi epatica, ipertensione arteriosa, malattie cardiocircolatorie e morbo di Parkinson.

Il paziente più anziano morto di coronavirus, un uomo di 89 anni, chiamato Chen, soffriva di ipertensione, diabete e malattie coronariche. Ha evidenziato i primi sintomi lo scorso 13 gennaio, tra cui alcune difficoltà respiratorie anche se non febbre. Cinque giorni dopo è stato ricoverato al Wuhan Union Hospital con seri problemi respiratori e si è rivelato positivo alla polmonite. È morto la sera seguente. La donna di 48 anni, invece, chiamata Yin, aveva sofferto di diabete e aveva avuto anche un ictus. Ha avuto per la prima volta febbre e dolori il 10 dicembre e le sue condizioni si sono lentamente deteriorate. È stata curata in due ospedali a Wuhan prima di morire lunedì scorso.

I casi di contagio confermati sono per ora 571, tra Cina e Hong Kong, Macao, Taiwan, Stati Uniti, Giappone, Corea del Sud e Thailandia. Mentre sono ancora in fase di accertamento altri 393 casi sospetti.

Anche la Sars nel 2002-03 aveva causato molte più vittime tra gli anziani che non tra i giovani. Il tasso di mortalità tra i pazienti con meno di 24 anni era stato inferiore all’1%, quello tra le persone di età compresa tra i 25 e i 44 anni del 6%. Più del 50% delle vittime della Sars (che furono quasi 800) aveva un’età superiore ai 65 anni, secondo uno studio dell’Oms effettuato all’epoca.

Per fare un confronto: l’influenza della scorsa stagione (ottobre 2018-aprile 2019) in Italia ha fatto 198 vittime, tutte persone che in media avevano 68 anni.


Fonte: corriere.it
URL: https://www.corriere.it/esteri/20_gennaio_23/virus-cinese-piu-meta-vittime-aveva-oltre-80-anni-seri-problemi-salute-aeeb3626-3de9-11ea-a1df-03cb566fb1c9.shtml