×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.


quotidianosanita.it

Coronavirus. I dati aggiornati al 2 febbraio: 14.557 casi e 304 morti. Oms chiede attenzione contro le informazioni false e fuorvianti

Pubblicato il bollettino quotidiano Oms: nessun nuovo Paese coinvolto al 2 febbraio. Ma l'Oms lacian l'allarme sull'eccesso di informazioni al di fuori dei canali istituzionali, difficilemnte controllabili e verificabili che creano allarmismi e rendono difficile orientarsi tra notizie vere e fake noews, una vera e propria "infodemic" come la chiama l'Oms. IL BOLLETTINO.

03 FEB - Salgono a 14.557 i casi confermati di nuovo Coronavirus segnalati nel bollettino Oms del 2 febbraio. I decessi sono 304 e i Paesi coinvolti 23 (nessun nuovo Paese segnalato).
 
L'occasione della pubblicazione del bollettino è usata dall'Oms anche per lanciare un inedito allarme su quella che l'Oms definisce come "infodemic" una vera e propria patologia informativa sul nuovo Coronavirus che si sta caratterizzando con il proliferare di informazioni da fonti non accreditate che creano allarmismo e rendono difficile orientarsi su ciò che è vero rispetto fake news allarmistiche e fuorvianti.
 
Coronavirus: l’Oms fa (come ogni giorno) il punto e lancia l’allarme fake news che stanno “inquinando” la corretta informazione sull’epidemia e provocando danni.


 
A causa dell'elevata richiesta di informazioni tempestive e affidabili, i team di comunicazione del rischio tecnico e social media dell'Oms hanno lavorato a stretto contatto per rintracciare e rispondere a miti e voci.
 
Attraverso la sua sede a Ginevra, i suoi sei uffici regionali e i suoi partner, l'Organizzazione sta lavorando 24 ore al giorno per identificare le voci più diffuse che possono potenzialmente danneggiare la salute del pubblico, come misure di prevenzione o cure false.

 
Questi miti vengono quindi confutati con informazioni basate sull'evidenza. L'Oms sta rendendo disponibili informazioni e consigli sulla salute pubblica sul 2019-nCoV sui suoi canali di social media (inclusi Weibo, Twitter, Facebook, Instagram, LinkedIn, Pinterest) e sul sito Web.
 
 



03 febbraio 2020