×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

Coronavirus, così l'epidemia in Italia diventa visibile

I casi in aumento, ma per gli esperti c'erano da tempo

Enrica Battifoglia  26 febbraio 2020 09:45

  Proprio perché i contagi c'erano già in precedenza, "i casi nel lodigiano possono essere considerati la punta dell'iceberg". Vale a dire che, se andassimo a cercare il virus con un'indagine a tappeto, "troveremmo casi senza una rilevanza critica importante, anche nei bambini", nei quali il virus non ha finora mostrato di non avere conseguenze importanti. Tutti i casi accertati nelle regioni hanno mostrato di avere un legame con la Lombardia, a eccezione di quelli registrati nel Veneto. Per questo motivo, secondo il virologo, è corretto al momento parlare di due focolai in Italia.

Individuare i casi nelle regioni e ricostruire la rete dei contatti è stato possibile grazie ai laboratori di riferimento locali, dove sono stati fatti i tamponi; quando i test danno esito positivo si procede con la ricerca dei contatti per stringere ogni volta il cerchio intorno al virus: "si fa tutto questo per chiudere prima possibile la catena del contagio".

Come hanno segnalato in questi giorni le autorità sanitarie, fare i test a tappeto probabilmente porterebbe alla luce molti casi positivi non clinicamente rilevati e finirebbe per generare panico e confusione. "Per questo - osserva il virologo - si preferisce concentrare i test solo nelle regioni in cui trovati i casi". Accerchiare il virus permette inoltre di evitare uno scenario nel quale "avremmo molto probabilmente un'epidemia di tipo simil-influenzale, con una catena di contagio che si diffonderebbe".

I cosiddetti 'casi invisibili' sarebbero molto numerosi e, secondo uno studio dell'Imperial College di Londra, sarebbero una conseguenza dei primi casi invisibili arrivati dalla Cina nel resto del mondo e che sarebbero due terzi del totale dei casi usciti dalla Cina. "E' l'ipotesi più probabile", ha rilevato Broccolo. "Si calcola che gli asintomatici siano circa il 4% rispetto a tutti gli individui con l'infezione", vale a dire che "su 100 infettati 4 non hanno segni, 80 hanno lievi sintomi di raffreddamento e 16 hanno manifestazioni che vanno da moderate-lievi fino alle più gravi".

E' ancora alla luce dei casi invisibili che potrebbe trovare una risposta l'altro grande punto interrogativo dell'epidemia in Italia: il 'paziente zero' dal quale tutto è iniziato.

Serve chiarezza anche sulle letalità del virus: "il tasso relativo a questo valore è molto teorico quando viene calcolato mentre l'epidemia è in corso". E' infatti il rapporto fra il numero dei morti e quello degli infetti" e questi ultimi "sono sempre sottostimati rispetto al numero reale", osserva l'esperto. "Attualmente il tasso di letalità in Italia viene calcolato del 3%, ma potrebbe essere soggetto a variazioni". Il tasso di diffusione è invece pari a 2,6: "dovremo arrivare - conclude - al di sotto dell'1 per uscire dall'epidemia".


Fonte: ansa.it
URL: http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/biotech/2020/02/25/coronavirus-cosi-lepidemia-in-italia-diventa-visibile_b31ed928-cf5b-4316-974a-8124770d967a.html