×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

ansa.it/canale_saluteebenessere

Gene-suicida migliora i trapianti nei bimbi con leucemia

Studio a guida Bambino Gesù premiato a Congresso ematologi Ue

Redazione ANSA  

A dimostrare la validità di questa metodica innovativa è uno studio internazionale coordinato dall'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma, presentato al Congresso dell'Associazione europea di ematologia (Eha) a Madrid e selezionato tra i sei migliori lavori pervenuti. Per questo la ricerca è stata 'premiata' con una particolare menzione dall'Eha.

 A coordinare lo studio è Mattia Algeri, 33 anni, onco-ematologo pediatra al Bambino Gesù: "Lo studio - spiega - ha coinvolto 98 pazienti in Usa ed Europa con un'età media tra 4 e 8 anni". Si tratta di un metodo innovativo, e per questo premiato dal congresso degli ematologi europei, che "migliora - spiega l'esperto - la sicurezza e l'efficacia dei trapianti di staminali per i pazienti pediatrici utilizzando linfociti da donatore parzialmente compatibile che vengono modificati geneticamente appunto con un gene-suicida che li induce all'autoeliminazione se dovessero provocare reazioni avverse nel paziente trapiantato".

 

 
 
Fonte ansa.it/canale_saluteebenessere
URL http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2017/06/24/gene-suicida-migliora-trapianti-bimbi-con-leucemia_724c0ee6-1502-4c54-88a2-e4faacc8c5bd.html