×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

Comunicato stampa             Roma, 2 ottobre 2017

Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato su

Cittadinanzattiva-Tribunale per i diritti del malato su Nota di aggiornamento DEF: ancora tagli per il SSN. Altro che salvaguardia, siamo di fronte a un progressivo impoverimento.

"La nota di aggiornamento del DEF è la prova che sul Servizio Sanitario Nazionale si continua a fare un gioco pericoloso: si dice di volerlo salvaguardare e rilanciare, ma nei fatti si fa l'esatto opposto. Le istituzioni continuano inesorabilmente la loro opera di disinvestimento”. Queste le dichiarazioni di Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva sulle misurecontenute ne DEF.

“E, come se non bastasse”, continua Aceti, “lo si fa anche in un momento in cui il PIL è cresciuto nel 2017 dell'1,5% e si prevede che continui a crescere nella stessa misura nel 2018 e 2019. 

La decisione del Governo di attestare l'incidenza della spesa sanitaria pubblica sul PIL al 6,5% nel 2018, al 6,4% nel 2019, e soprattuto averla diminuita nel 2020 portandola al 6,3%, non può che vederci contrari e fortemente preoccupati”.

È infatti proprio l'Organizzazione Mondiale della Sanità ad aver fissato la soglia di investimento pubblico degli Stati al 6,5% come limite al di sotto del quale è certo che si intacchi la salute dei cittadini e l'accessibilità ai servizi sanitari. Inoltre, il combinato disposto tra la Nota di aggiornamento al DEF e il Decreto del 5 giugno, che taglia di 423 milioni di euro il Fondo Sanitario Nazionale 2017 e di 604 milioni il FSN 2018, infligge un colpo pesantissimo al nostro SSN

“È molto grave che le politiche pubbliche continuino a non allinearsi con i bisogni e le aspettative dei cittadini”, ha ancora aggiunto Aceti. “Si continua a disinvestire nonostante le segnalazioni dei cittadini ci dicono che esiste una difficoltà di accesso ai servizi sanitari, l'Istat segnala una crescente rinuncia alle cure e una crescita della spesa privata, i nuovi LEA introducono nuove prestazioni a carico del SSN e necessiterebbero di risorse economiche aggiuntive e ancora oggi non sono pienamente garantiti. Vogliamo una Legge di Bilancio di investimento nella salute e nel SSN, che riduca le disuguaglianze partendo dall'abolizione del Superticket di 10 euro sulla ricetta; che dia gambe effettive ai nuovi LEA e che rafforzi il personale sanitario senza il quale è impensabile curare le persone."

 

Cittadinanzattiva onlus-ufficio stampa
Fonte Via E-mail