×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

Fonte felicitapubblica.it

“Uno sguardo raro”: simbolo di unione tra cinema e malattie rare

Il 10 e l’11 febbraio 2018 si terrà a Roma, presso la Casa del Cinema, il Festival cinematografico Uno sguardo raro dedicato alle malattie rare e alle persone che ne sono affette. Presidente di giuria sarà la regista Cinzia TH Torrini, nota al pubblico per aver dato vita a numerosi film e diverse fiction televisive come “Elisa di Rivombrosa” e la più recente “Sorelle”.

L’ingresso a tale Festival sarà gratuito proprio come l’iscrizione per il bando che ha come tema il mondo delle malattie rare descritto sotto diversi punti di vista e che può essere rappresentato da professionisti e non, mediante cortometraggi, cortometraggi Under 30, documentari, spot e cortissimi realizzati con smartphone e tablet, che saranno giudicati e premiati da una giuria di prestigio presieduta dalla regista Torrini.

Il Festival va ad anticipare la Giornata delle Malattie Rare del prossimo 28 febbraio e vede, tra l’altro, la presenza dell’attrice Claudia Crisafio, presidente delle Nove Produzioni, che si occupa dell’organizzazione del Festival, e di Serena Bartezzati, da tempo impegnata nel mondo delle malattie rare.

Uno Sguardo Raro è gemellato con “Il Volo di Pegaso”, storico concorso letterario, artistico e musicale, dedicato a chi soffre di queste patologie, prodotto dal Centro Nazionale Malattie Rare dell’Istituto Superiore di Sanità e in scadenza il prossimo 15 novembre. Collabora, inoltre, con l’iniziativa la UNIAMO FIMR onlus, Federazione che raccoglie oltre 100 associazioni pazienti di malattia rara in Italia.

Raccontare le malattie rare è sicuramente un’ardua impresa ma chi ne soffre e, soprattutto, chi segue i malati rari ha deciso di raccogliere tale sfida per testimoniare come si stia evolvendo la comunicazione tra i malati rari e il mondo esterno che li circonda, affinché anche un’arte come quella del cinema possa dare spazio a una tematica che spesso risulta essere marginale.

Quello che a molti sfugge, però, è il fatto che solo in Europa ci siano 30 milioni di persone affette da una patologia rara, di cui 670mila in Italia. Considerando anche i familiari di questi ultimi sono circa 1 milione e mezzo in Italia le persone coinvolte che devono, spesso, fare i conti con l’impoverimento e lo sfaldamento della famiglia stessa. Alcune di queste malattie possono essere controllate tramite i giusti trattamenti ed è proprio su queste vittorie che la direzione artistica del Festival vuole concentrarsi, considerandole delle ricchezze da condividere e affermando: «La nostra missione diventa quindi trasformare l’invisibilità dei malati rari in visibilità».

Per iscriversi gratuitamente al Festival, entro il 18 novembre, consultare il link www.unosguardoraro.org.

di Lorenzo Lobolo

Fonte felicitapubblica.it/
URL http://www.felicitapubblica.it/2017/11/07/uno-sguardo-raro-simbolo-unione-cinema-malattie-rare/