×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

L'interruttore a luci rosse che accende i geni 

Per la terapia genica e future cure anticancro 

Redazione ANSA 13 marzo 2018  20:09
Il primo autore della ricerca, Phillip Kyriakakis, durante un test (fonte: University of California San Diego) © Ansa 

  Realizzato il primo interruttore letteralmente 'a luci rosse', che riesce ad accendere e spegnere i geni grazie alla luce rossa e infrarossa. Le sue applicazioni potrebbero essere numerose, come una terapia genica completamente nuova e cure anticancro, oltre a piante per i biocarburanti che possono fare a meno dei fertilizzanti. Descritto sulla rivista ACS Synthetic Biology, l'interruttore è stato messo a punto dal gruppo dell'Università della California a San Diego guidato da Phillip Kyriakakis. 

  Positivi i primi test su cellule di mammiferi. La luce rossa è un metodo sicuro e privo di rischi per attivare e disattivare i geni perché i tessuti non la assorbono e quindi passa facilmente attraverso le cellule e senza provocare danni. "Poter controllare i geni in profondità all'interno dell'organismo, in una posizione e un momento specifici, senza dover aggiungere elementi esterni, è un obiettivo che la comunità scientifica sta cercando di raggiungere da molto tempo", ha osservato Todd Coleman, uno degli autori della ricerca. 

  Uno degli ostacoli da superare è nel fatto che le cellule animali non hanno gli strumenti necessari per rendere le molecole sensibili alla luce rossa: è un po' come essere in un Paese straniero con un asciugacapelli senza adattatore per la presa di corrente. Perciò i ricercatori hanno usato una proteina che si trova in batteri e piante, la ferredossina, e un enzima per renderla compatibile con quelle che si trovano nelle cellule animali: il risultato è che queste ultime diventano capaci di produrre molecole che possono essere attivate e disattivate con la luce.

Fonte: ansa.it
URL: http://www.ansa.it/canale_scienza_tecnica/notizie/biotech/2018/03/13/linterruttore-a-luci-rosse-che-accende-i-geni_b920b87d-cf39-4d8a-855d-002367f513df.html