×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

ansa.it

Arriva il detector per zanzare, scopre se portano virus

Sviluppato da Università Texas, analizza l'acido nucleico

01 settembre 2018 11:31
Foto d'archivio © AP    Una zanzara è solo fastidiosa o porta davvero malattie? A risolvere questo dilemma ci penserà presto uno "zanzare-detector", uno strumento diagnostico che riesce a capire se l'insetto fa parte della specie che porta malattie pericolose come il virus Zika, Dengue, Chikungunya o la febbre gialla.

    Il nuovo strumento è stato sviluppato dai ricercatori dell'Università del Texas ad Austin. L'apparecchio usa una fotocamera per smartphone, una piccola scatola stampata in 3D e un test chimico che mostra se ci si trova davanti a una zanzara appartenente alla specie Aedes aegypti, che trasporta una serie di virus che affliggono ogni anno circa 100 milioni di persone in tutto il mondo. Lo strumento, tra l'altro, riesce a capire se l'insetto è stato colpito dalla Wolbachia, un batterio biopesticida che impedisce alle zanzare di diffondere malattie. In diversi Paesi del mondo si stanno infettando le zanzare proprio di Wolbachia per cercare di frenare la trasmissione dei virus. Ma come fa lo "zanzare-detector" a scoprire tutte queste caratteristiche? Analizza l'acido nucleico delle zanzare (il Dna e l'Rna) e i suoi risultati hanno una precisione superiore al 97%.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Plos Neglected Tropical Diseases.

 


Fonte: ansa.it
URL: http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2018/09/01/arriva-il-detector-per-zanzare-scopre-se-portano-virus-_b13b4476-77f0-4590-86bb-5a84c868e1a9.html

 https://journals.plos.org/plosntds/article?id=10.1371/journal.pntd.0006671