×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

cordis.europa.eu

Nuove risorse aiuteranno i ricercatori a combattere le malattie trasmesse dalle zanzare senza alcun costo per gli utenti finali

Un sito web offre molteplici nuovi prodotti e strumenti per studiare le malattie diffuse da vari insetti e zecche.

Nuove risorse aiuteranno i ricercatori a combattere le malattie trasmesse dalle zanzare senza alcun costo per gli utenti finali

    Come spiegato in un comunicato stampa sul sito web di INFRAVEC2, i prodotti offerti includono colonie di zanzare precedentemente non disponibili, come l’Anopheles atroparvus, una specie europea diffusa e il principale vettore della malaria umana fino a quando l’Europa fu dichiarata esente dalla malaria nel 1975. Secondo il sito web, «[q]uesta specie sarebbe in grado di trasmettere di nuovo la malaria se il monitoraggio della salute pubblica si allentasse e la malaria rientrasse in Europa. Può anche trasmettere virus umani come il virus del Nilo occidentale». La colonia di INFRAVEC2 è stata messa a disposizione dei ricercatori dopo che le zanzare sono state raccolte nel delta del fiume Ebro, in Spagna, nel 2017. Sostituisce «una colonia vecchia di decenni e consentirà una ricerca più accurata sui rischi e il controllo di questa zanzara».

Nuove opportunità di esperimenti

   Il sito di INFRAVEC2 offre anche l’accesso a nuove tecnologie per studiare i parassiti della malaria nelle zanzare e le combinazioni di zanzare infette da arbovirus, nonché opportunità di lavorare in strutture di primo livello su diversi vettori di malattie, tra cui i pappataci. Gli scienziati potranno eseguire esperimenti prima impossibili sulla biologia di base dei pappataci e sulla leishmaniosi, una malattia potenzialmente letale che colpisce oltre 10 milioni di persone ogni anno. I pappataci trasmettono anche virus umani, in Europa e altrove, che possono essere studiati nella struttura di INFRAVEC2. «L’accesso a questi nuovi strumenti di ricerca aiuterà i ricercatori a identificare più rapidamente farmaci e insetticidi utili per lo sviluppo.»

    INFRAVEC2 (Research Infrastructures for the control of vector-borne diseases) è stato avviato nel 2017 per fornire risorse di ricerca chiave per la comunità europea di biologi che studiano i vettori. È il seguito del progetto INFRAVEC (Research capacity for the implementation of genetic control of mosquitoes) che si è svolto tra il 2009 e il 2014. INFRAVEC2 mira a costruire una rete europea duratura di strutture per il controllo delle malattie trasmesse dagli insetti.

   L’epidemia di virus Zika del 2015-2016 nelle Americhe, la ricomparsa della febbre gialla e un aumento dei casi di dengue e chikungunya hanno ulteriormente evidenziato l’importanza del controllo dei vettori. L’infrastruttura di INFRAVEC2 sarà in grado di rispondere alle attuali epidemie di malattie diffuse da insetti e contribuirà anche alla capacità dell’Europa di prevedere e prevenire future epidemie di tali malattie. Ciò è particolarmente importante perché la rapida urbanizzazione non pianificata, l’aumento dei viaggi internazionali, pratiche agricole alterate e fattori climatici stanno alimentando la diffusione di vettori in tutto il mondo, mettendo a rischio un numero crescente di persone. L’OMS prevede che attualmente oltre l’80 % della popolazione mondiale sia a rischio di malattie trasmesse da vettori.

Per ulteriori informazioni, consultare:
sito web del progetto INFRAVEC2
 

Ultimo aggiornamento: 2018-09-03

Fonte: cordis.europa.eu
URL: https://cordis.europa.eu/news/rcn/129863_it.html