×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

popsci.it

Fotofobia da emicrania: efficace la tossina botulinica A

MEDICINA Ott 31, 2018 
 (Reuters Health) – La fotofobia nei pazienti con emicrania migliora dopo le iniezioni di tossina botulinica A. È quanto emerge da uno studio osservazionale americano pubblicato dal British Journal of Ophthalmology. I sintomi di fotofobia e secchezza oculare sono comuni nei pazienti con emicrania, ma pochi studi hanno ad oggi valutato terapie per questi sintomi.

Lo studio
   Anat Galor e colleghi, del Miami VA Medical Center, hanno valutato la potenziale efficacia della tossina botulinica A (BoNT-A) nel ridurre i sintomi di fotofobia e secchezza oculare in una revisione retrospettiva di 72 pazienti, tutti curati con questa tossina.

  La maggior parte dei pazienti (l’80,6%) ha giudicato” severa” la propria fotofobia e tutti i pazienti, tranne due, hanno riferito sintomi di secchezza oculare (il 63,4% ha dichiarato che era grave). Solo il 20,3% dei pazienti ha tuttavia mostrato prove obiettive di un volume lacrimale basso.

  Dopo un tempo medio di follow-up post-iniezione di 30,5 giorni, i punteggi di fotofobia sono migliorati significativamente, passando da 29,8 a 27,7 sul totale di Visual Light Sensitivity Question-8 (VLSQ-8), che varia da 8 a 40.

  E i soggetti con sintomi più gravi di secchezza oculare hanno riportato un miglioramento statisticamente significativo, passando da 15,4 a 13,8 sulla scala del Dry Question Questionnaire-5 (DEQ-5), che varia da 0 a 22.

I commenti
  “La scoperta che BoNT-A  sia in grado di migliorare sia la fotofobia, sia i gravi sintomi dell’occhio secco, suggerisce l’ipotesi che altre terapie che modulano la funzione somatosensoriale e il dolore neuropatico possano essere considerate per trattare pazienti i cui sintomi di secchezza oculare non spariscono con i trattamenti convenzionali o i cui sintomi non possono essere spiegati con un esame oftalmico”,

Fonte:Br J Ophthalmol 2018
Reuters Staff
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)


Fonte: popsci.it
URL: http://www.popsci.it/fotofobia-da-emicrania-efficace-la-tossina-botulinica-a.html