×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.
 

Fenilchetonuria (PKU), una malattia rara in evoluzione: il futuro è il network europeo

92df4a6f-2c89-4ec2-88ec-d8003185be1a
Categoria
convegni
Data
23/03/2021 10:00 - 12:30
Email
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Per gli accrediti stampa scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

La fenilchetonuria (PKU) è una malattia metabolica rara ed ereditaria dovuta a mutazioni genetiche che rendono inefficace l’attività dell’enzima necessario a metabolizzare la fenilalanina (Phe), un aminoacido essenziale presente nella maggior parte delle proteine alimentari. Questa patologia, se non trattata efficacemente, genera serie conseguenze nei pazienti, quali gravissime disabilità intellettive irreversibili, unitamente a disturbi psichici e neurologici. La PKU è una delle patologie sottoposte a screening neonatale obbligatorio dal 1992: grazie allo screening è oggi diagnosticata precocemente e trattata tempestivamente con una dietoterapia estremamente severa. L’obiettivo principale dell’evento è quello di dare voce a questa patologia che necessita di una presa in carico globale e complessa e che troppo spesso viene sottovalutata e non classificata come patologia in grado di incidere sulla salute e sulla qualità di vita del paziente. Sappiamo invece che così non è: troppo spesso i pazienti, superata l’età pediatrica, incontrano problematiche di aderenza terapeutica rischiando drammatiche conseguenze. Se dunque per i bambini la presa in carico può definirsi ottimale non altrettanto può dirsi per i pazienti adulti, che troppo spesso non trovano adeguato supporto presso i centri di riferimento, ad oggi ancora solo esclusivamente pediatrici.



UFFICIO STAMPA OSSERVATORIO MALATTIE RARE (OMaR)

Ilaria Ciancaleoni Bartoli: +39 331 4120469; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Rossella Melchionna: +39 334 3450475; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 
 

Altre date

  • 23/03/2021 10:00 - 12:30

Powered by iCagenda