×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

ansa.it

In futuro cure 'quantistiche' grazie ai supercomputer

Pogetti sfruttano rivoluzione calcolatori per nuovi farmaci

Redazione ANSA 08 marzo 2021 13:40
 © ANSA

 - ROMA, 08 MAR - In un futuro ormai prossimo i nuovi farmaci non saranno più cercati facendo lunghi e difficili tentativi in laboratorio, ma le molecole verranno progettate grazie a computer estremamente potenti in grado di simulare anche il loro comportamento, ad esempio nei confronti della proteina di un virus.
A rendere possibile la 'rivoluzione' sono i computer quantistici, divenuti realtà solo nel 2019, ma che hanno suscitato già l'interesse di alcune grandi case farmaceutiche.

     La prima a lanciarsi nel settore, riporta la rivista Ieee Spectrum, è stata Boehringer Ingelheim, che ha presentato una partnership con Google Quantum AI, la divisione specifica della compagnia di Mountain View, che prevede di usare gli algoritmi e le risorse di 'Big G' per le simulazione molecolari dinamiche, per capire cioè il comportamento di una determinata molecola, ad esempio nei confronti di un virus, senza bisogno di realizzarla e studiarla in laboratorio.
   La multinazionale Roche, invece recentemente ha scelto Cambridge Quantum Computing per progettare algoritmi da utilizzare con i computer quantistici nelle prime fasi dello sviluppo delle terapie.

  I computer tradizionali usano dei transistor che possono essere 'accesi' o 'spenti', simboleggiando quindi le cifre 0 e 1 del codice binario alla base del linguaggio informatico. Quelli quantistici (o quantici) invece sfruttano la capacità degli atomi, teorizzata dalla fisica quantistica, di essere in uno stato che è '0' e '1' contemporaneamente. Un qubit quindi, l'unità minima di informazione del computer quantistico (in opposizione al 'bit' di quello classico), può fare il doppio delle operazioni, e se si connettono due qubit se ne possono fare due al quadrato, tre qubit due al cubo, e così via. Il vantaggio, spiega Chad Edwards, head of Strategy di Cambridge Quantum Computing, è riuscire a simulare molecole e reazioni chimiche meglio degli attuali supercomputer.


Fonte: ansa.it
URL: https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2021/03/08/in-futuro-cure-quantistiche-grazie-ai-supercomputer_61ea401a-b2b3-47a2-a09c-9c328f74abc0.html