pharmastar.it

Esofago di Barrett, prevalenza elevata in donne con sclerodermia

Venerdi 12 Marzo 2021  Emilia Vaccaro

La prevalenza dell'esofago di Barrett è presente nel 12,8% delle donne con sclerodermia, secondo uno studio pubblicato sull'American Journal of Gastroenterology. Questo dato è nettamente superiore a quello riportato finora in letteratura che si attesta non superiore al 2%.

La sclerosi sistemica o sclerodermia (SSc) è una malattia autoimmune cronica che rende l'esofago incline a un significativo reflusso gastroesofageo a causa della ridotta clearance esofagea e della ridotta pressione dello sfintere esofageo inferiore.
La prevalenza riportata dell'esofago di Barrett (BE) nelle donne con SSc varia dal 2% al 37% ed è derivata da studi precedenti con campioni di piccole dimensioni.

In questo studio gli autori hanno mirato a valutare la prevalenza di BE in un'ampia coorte di donne con SSc.
Sono state incluse nell’analisi donne con sclerodermia pazienti presso la Mayo Clinic Arizona Rheumatology Clinic che avevano completato l'esofagogastroduodenoscopia (EDG) tra il 2002 e il 2020.

Sono stati valutati dati demografici e manometrici ad alta risoluzione. La diagnosi di sclerodermia è stata confermata da un esperto reumatologo. La diagnosi di BE è stata confermata da un esperto patologo gastrointestinale.
C'erano 235 donne con SSc che sono state sottoposte a EGD e la manometria ad alta risoluzione (HRM) è stata completata in 172 pazienti.

Le donne con SSc con BE avevano una probabilità significativamente maggiore di avere un esofago sclerodermico (contrattilità assente con sfintere esofageo inferiore ipotensivo) come rilevato dall’ HRM rispetto alle donne con SSc senza esofago di Barrett (p=0,018).
C'erano 30 pazienti con SSc (12,8%) con BE istologicamente provato. La displasia è stata riscontrata in 13 (43,3%): in 4 era indefinita, in 7 con basso grado e 2 con adenocarcinoma. L'incidenza di qualsiasi displasia era del 5,3% all'anno (0,9% all'anno per l'adenocarcinoma).

"Le donne con sclerosi sistemica con esofago di Barrett (BE) avevano una probabilità significativamente maggiore di avere contrattilità assente con risultati ipotensivi dello sfintere esofageo inferiore" hanno scritto Diana L. Snyder, della divisione di gastroenterologia ed epatologia presso la Mayo Clinic, e colleghi. "L'elevata prevalenza e incidenza di displasia riscontrata suggerisce che le donne con sclerodermia dovrebbero essere incluse nelle raccomandazioni di screening per esofago di Barrett".

“Studi precedenti hanno riscontrato che le stime di prevalenza di BE nella popolazione femminile erano molto inferiori rispetto agli uomini con rapporto uomini/donne compresi tra 1,3: 1 e 4,6:1; pertanto, la prevalenza nelle donne potrebbe essere stimata inferiore al 2%", hanno scritto i ricercatori. "Il nostro studio mostra una prevalenza di BE molto più alta, del 12,8% nella popolazione femminile con sclerodermia rispetto alla popolazione femminile generale con BE documentata in letteratura".

Gli autori evidenziano che tutti questi dati suggeriscono che le donne con sclerodermia di tipo limitato, in particolare, dovrebbero essere considerate a rischio di BE displastico e, quindi, dovrebbero essere considerate nelle raccomandazioni di screening per BE.

Ci sono 2 ragioni per cui SSc di tipo limitato potrebbe essere significativamente associata a BE rispetto al tipo diffuso, spiegano gli autori nel lavoro. Nella popolazione nordamericana, la SSc limitata è più comune della forma diffusa con un rapporto di circa 2: 1, mentre il coinvolgimento esofageo è pressoché uguale in entrambi i tipi; quindi, in modo modesto, BE potrebbe essere più comune con SSc limitato semplicemente perché quella forma di SSc è più comune.

Una seconda spiegazione è che la SSc limitata si presenta tipicamente con il fenomeno di Raynaud, anni prima che i cambiamenti della pelle compaiano per la prima volta in contrasto con la SSc diffusa in cui Raynaud e i cambiamenti della pelle si verificano a pochi mesi l'uno dall'altro. È possibile che SSc subclinica che colpisce l'esofago sia stata presente nel gruppo SSc limitato. Sulla base della teoria che l’esofago da scleroderma mostra una neuropatia sensoriale viscerale oltre a una neuropatia motoria, potrebbe esserci una durata più lunga dell'esposizione al reflusso acido nel gruppo SSc limitato ma senza alcun sintomo che predisponga a BE.

In conclusione, questi dati suggeriscono che le donne con SSc dovrebbero essere incluse nelle raccomandazioni di screening per BE e trattate di conseguenza se si riscontra displasia.

Snyder D. et al Prevalence of Barrett's Esophagus in Female Patients With Scleroderma.

leggi


Fonte: pharmastar.it
URL: https://www.pharmastar.it/news//gastro/esofago-di-barrett-prevalenza-elevata-in-donne-con-sclerodermia-34858

 

Prevalence of Barrett's Esophagus in Female Patients With Scleroderma  https://journals.lww.com/ajg/Fulltext/2021/03000/Prevalence_of_Barrett_s_Esophagus_in_Female.19.asp