×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.

Fonte Le Scienze.it

I rischi di una "democrazia dei creduloni"

 

Gérald Bronner ammette che il suo interesse è attratto più dalle cose che non funzionano come dovrebbero nella nostra società che da quelle che funzionano bene. Così negli anni si è occupato di errori, di fanatismo, di false credenze, fino ad arrivare a teorizzare il rischio di una “democrazia dei creduloni”, come ha intitolato il suo ultimo libro.


http://flv.kataweb.it/mediaweb/espresso/scienze/2016/11/11/112332087-09b36edf-6047-4a8b-aec3-08b87f2b20c3.mp4 


Sociologo all'Università Paris-Diderot, Bronner ha descritto meccanismi semplici e molto diretti che, coniugando il pensiero individuale con le condizioni in cui ci si trova a vivere, ad agire e ad apprendere, possono portare ad abbracciare l'estremismo religioso, a rinnegare semplici verità, a preferire una bufala a una verità scientifica.

Vivere in un mondo dominato da Internet e dall'uso dei social media, quindi, è importante.

Ma è importante anche il nostro istintivo desiderio di credere.

E la facilità con cui si può fare confusione tra ciò che è vero e ciò che è verosimile, tra il dubbio che sta alla base della conoscenza scientifica e il dubbio come motivo per non credere a ciò che la scienza dice.

Nessuno si illuda: la guerra ai creduloni non sarà mai vinta, avvisa Bronner alla fine di questa intervista. Eppure, combattere non è inutile, anzi.
di Paolo Magliocco 


 Fonte lescienze.it
URL http://www.lescienze.it/news/2016/11/12/video/bronner_societa_sociologia_disinformazione-3305327/1/