×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.


ilgiornale.it

Angioedema ereditario, come si manifesta questa malattia rara?

Non esiste una cura definitiva. L'obiettivo del trattamento è quello di arrestare o impedire la formazione di nuovi edemi

Maria Girardi Mer, 17/06/2020 - 10:50
Colpisce circa un soggetto ogni 50mila e sembra essere diffuso in modo uguale fra tutte le razze. In Italia ne sono interessate circa 1.200 persone.

In Europa si contano 5mila-10mila pazienti. L'angioedema ereditario è una rara malattia genetica che coinvolge la cute, le mucose e gli organi interni. Potenzialmente mortale, è clinicamente caratterizzata da ricorrenti episodi di gonfiori (edemi) che possono interessare la cute (in qualsiasi distretto corporeo), il viso, i genitali, la glottide e la parete dell'apparato gastrointestinale. A causa degli edemi cutanei può svilupparsi una temporanea inabilità a svolgere le azioni della vita quotidiana. I gonfiori al volto, invece, possono sfigurarlo e quelli agli organi genitali danno luogo a dolore. Infine, l'edema della parete gastrointestinale si associa a sensazioni di gonfiore e ad algie, simili a coliche, anche intense. Non rari, altresì, vomito e/o diarrea. Poiché può determinare la completa ostruzione delle alte vie aeree respiratorie con conseguente morte per asfissia, il gonfiore della glottide è da considerarsi una vera e propria emergenza medica.

Come già accennato, l'angioedema ereditario viene trasmesso geneticamente e dunque, responsabile della sua comparsa, è l'alterazione di un gene responsabile della funzionalità di alcune importanti proteine (C1-INH), indispensabili per la regolazione del sistema immunitario. Per la precisione la proteina C1-INH è implicata nell'attivazione di importanti mediatori di permeabilità vascolare, come la bradichidina. I pazienti presentano, così, elevati livelli di questo fattore di infiammazione, ovvero un nonapeptide con proprietà vasodilatatorie. In una situazione particolare come quella dell'angioedema ereditario, l'organismo non è affatto in grado di garantire la quantità sufficiente di C1-INH. Ecco, quindi, che si crea un danno. Gli studiosi hanno scoperto che il deficit di C1 inibitore è presente al momento della nascita e non cambia nel corso di tutta l'esistenza. Al contrario, le manifestazioni della patologia si presentano ogni tanto e delle stesse non sono note le motivazioni.

Uno dei sintomi tipici dell'angioedema ereditario è il gonfiore improvviso a livello di viso, braccia, gambe, piedi, genitali, vie aeree e apparato digerente. Raramente la tumefazione è accompagnata da prurito e orticaria. I segni clinici sono transitori e la loro intensità è estremamente variabile. Gli attacchi di angioedema ereditario sono periodici, si calcola infatti che in circa la metà dei pazienti ne si presentino fino a 10 ogni anno. Durante le crisi, oltre a provare dolore, l'individuo è fortemente limitato o impossibilitato a svolgere le proprie attività, con pesanti ricadute sulla qualità della vita. Inoltre, se localizzato a livello della glottide, un attacco può rivelarsi fatale. Non esiste una cura definitiva. Attualmente l'obiettivo del trattamento è quello di arrestare o impedire la formazione di nuovi edemi. Generalmente per alleviare la sintomatologia vengono impiegati farmaci contenenti androgeni e alcuni derivati del plasma.


Fonte: ilgiornale.it
URL: https://www.ilgiornale.it/news/salute/angioedema-ereditario-si-manifesta-questa-malattia-rara-1871018.html