×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.


ansa.it

Gemelli, staminali per curare pazienti con morbo Crohn

Per trattare una delle complicanze più disabilitanti

Redazione ANSA ROMA 05 febbraio 2021 15:35
 © EPA

 (ANSA) - ROMA, 05 FEB -
  - Le cellule staminali sono l'ultima frontiera di trattamento di una delle forme più disabilitanti della malattia di Crohn, la malattia perianale fistolizzante.
    Darvadstrocel, questo il nome di questa terapia cellulare, è oggi secondo gli esperti il trattamento più avanzato per i casi più complicati e non responsivi alla terapia medica e chirurgica.

La nuova tecnica, approvata dal 2018 in Europa è stata utilizzata presso il Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs, diretto dal professor Antonio Gasbarrini (unico centro, insieme a quello dell'Università di Bologna, ad averla utilizzata in Italia al di fuori degli studi clinici) per il trattamento di tre pazienti,due dei quali la scorsa settimana.

"Questo trattamento innovativo - spiega il professor Luigi Sofo, Direttore della UOC di Chirurgia Addominale del Gemelli - è riservato a pazienti con Crohn complicato da fistole perianali (riguarda il 30-40% di tutti i pazienti con Crohn, molti dei quali presentano fistole complesse) refrattarie alla terapia medico-chirurgica e con malattia 'spenta' all'interno dell'ultima parte dell'intestino. La presenza di fistole complesse condiziona pesantemente la vita sociale e di relazione di questi pazienti, in genere molto giovani, intorno ai 20- 30 anni".

"Fino a oggi-prosegue - per il trattamento di questa condizione avevamo a disposizione solo la terapia chirurgica o la terapia combinata medico-chirurgica, che porta a guarigione meno della metà dei pazienti; la malattia tende inoltre a recidivare nel 70% dei casi, alla sospensione del trattamento. Per una parte di questi pazienti, si può arrivare a rendere necessario il confezionamento di un ano preternaturale definitivo". La terapia con staminali può aiutare a scongiurare questo epilogo. Le cellule staminali mesenchimali multipotenti contenute in Darvadstrocel sono estratte dal grasso dell'addome di giovani donatrici e processate in una cell factory Takeda nei pressi di Madrid, dove vengono fatte espandere in laboratorio, messe in sospensione e criopreservate per essere pronte al trasporto. (ANSA).


Fonte: ansa.it
URL: https://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/medicina/2021/02/05/gemelli-staminali-per-curare-pazienti-con-morbo-crohn_dcf79e94-3731-4c92-98e2-610906ba24f5.html