×

Attenzione

EU e-Privacy Directive

Questo sito si serve di cookie per gestire autenticazione, navigazione e altre funzioni. Servendoti del nostro sito acconsenti al collocamento di questo tipo di cookie sul tuo dispositivo.

Visualizza la ns. Informativa Estesa.

Visualizza la normativa europea sulla Privacy.

Visualizza la documentazione GDPR

Hai rifiutato i cookie. Questo diniego può essere revocato.


ansa.it

Cervello, per studiarlo i primi mini-organi con chip

Primo passo per future terapie contro lesioni e traumi

Redazione ANSA 16 marzo 2021 14:01
Le immagini degli sferoidi, i cervelli in miniatura, integrati con un dispositivo biologico (fonte: IIT) © Ansa

   Organi in miniatura costruiti in laboratorio assemblando cellule nervose in minuscole sfere, all'interno dei quali si inserisce un dispositivo elettronico: sono stati ottenuti in Italia, nell'Istituto Italiano di Tecnologia (Iit) e sono la prova di principio per ottenere future interfacce neuro-robotiche, per rimpiazzare porzioni del sistema nervoso compromesse da malattie o traumi, o ancora per aiutare nel recupero di funzionalità compromesse del sistema nervoso.

 A indicare la nuova strada è la ricerca pubblicata sulla rivista Advanced Biosystems e coordinata dal gruppo Microtechnology for Neuroelectronics dell'Iit guidato da Luca Berdondini, della quale i primi autori sono Aziliz Lecomte e Lidia Giantomasi.La ricerca è fra i temi della Brain awareness week, la settimana internazionale per sensibilizzare sull'importanza delle ricerche sul cervello in corso fino al 21 marzo.

Chiamati 'sferoidi', gli aggregati di cellule nervose sono confrontabili a mini-organi sferici in grado di simulare alcune funzionalità di un organo complesso come il cervello; i chip introdotti al loro interno potrebbero controllarne l'attività. Per esempio, potrebbero aiutare a studiare gli effetti sulle cellule nervose di alcune sostanze o di alcune malattie. A dimostrare la possibilità di realizzare dispositivi come questi sono le immagini al microscopio realizzate dall'Iit.

"Un dispositivo elettronico all'interno di un tessuto biologico potrebbe permettere, in modalità wireless, il monitoraggio e/o la perturbazione cronica di parametri fisiologici quali temperatura, pH ed attività bioelettrica neuronale" spiega Giantomasi.

"Il risultato - prosegue - saranno dei modelli bionici di circuiti del cervello umano che potranno essere utilizzati per effettuare saggi pre-clinici di variabili terapeutiche umano-specifiche, potenzieranno lo sviluppo di strumenti per studi ad alto livello di sicurezza con materiali pericolosi, quali virus e tossine, e permetteranno una migliore comprensione delle dinamiche che regolano lo sviluppo ed il funzionamento del cervello, con implicazioni estendibili all'Intelligenza Artificiale".


https://onlinelibrary.wiley.com/journal/27010198